Scrivi una località, una regione o una nazione per ottenerne le previsioni del tempo
Località Data aggiornamento Quantità neve Impianti
MeteoLive NEWSLeggi tutte le news ›

Lampi e tuoni, ma il DILUVIO non arriva

A volte i temporali possono essere accompagnati da notevole attività elettrica, ma da scarse precipitazioni. Cerchiamo di capire come mai.

In primo piano - 1 Aprile 2014, ore 11.54

Nelle calde giornate estive, l’arrivo di un temporale è sicuramente accolto con gioia. Si spera, naturalmente, che i fenomeni al suo interno non siano troppo intensi e che la pioggia possa portare un beneficio ai terreni e alla qualità dell’aria.

Molte volte le nostre attese sono deluse: il temporale arriva, in cielo si vedono fulmini e si sentono forti tuoni, sembra che debba arrivare chissà cosa e invece tutto si risolve con le classiche quattro gocce che non riescono nemmeno ad inumidire il terreno.

Esistono davvero temporali con lampi, tuoni e pochissima pioggia? Difficile. Molto spesso, quando si sentono tuoni, da qualche parte è in atto una precipitazione piuttosto consistente, che tuttavia bagna solo una ristretta porzione di territorio. Se il temporale avanza verso la nostra postazione, ma il centro di scroscio risulta transitare non sulla nostra verticale, il risultato sarà una grande baraonda di lampi e tuoni, ma pochissima acqua.

In questo caso non è lecito affermare che il temporale ha fatto solo rumore, in quanto a poca distanza dalla nostra postazione la pioggia è caduta copiosa. Va comunque precisato che all'interno di un sistema temporalesco, le zone maggiormente battute dai rovesci presentano scarsa attività elettrica, mentre i fulmini si concentrano ai lati del centro di scroscio principale.

Le cariche elettrostatiche presenti in una nube tendono a mantenere "sollevate in quota" le gocce di pioggia, unendole tramite la forza di coesione. Se in una porzione della nube temporalesca queste cariche elettrostatiche risultano maggiormente concentrate, vi saranno molti fulmini e poca pioggia. Sono necessari spesso tre o quattro fulmini per scaricare la nube dall’eccesso di carica, con la conseguente precipitazione delle gocce d’acqua o i chicchi di grandine al suolo.

Un altro fattore importante da tenere in considerazione è il tasso di umidità dell’aria. Se questo risulta molto basso, la possibilità di assistere a temporali “asciutti” non è poi così remota, anche se ciò avviene soprattutto nelle zone desertiche. Le gocce d’acqua possono evaporare prima di toccare terra anche al di sotto del centro di scroscio principale. In questo caso i fulmini possono addirittura causare incendi. Nel nostro Paese si tratta di un fenomeno piuttosto raro, ma non impossibile.

Ecco un temporale con molti fulmini, ma sostanzialmente asciutto al suolo che si è verificato a Malta nell'aprile 2011. Nelle nubi sono inoltre presenti grandi quantità di sabbia che probabilmente favoriscono le fulminazioni.


Autore : Paolo Bonino

Questa pagina: Stampa Invia Favoriti | Condividi: Altro
Webcam
Vedi tutte
Satellite
Immagini e foto dal satellite

Immagini dal satellite

Guarda le ultime immagini inviate dal satellite Meteosat 8, da 36.000 km di altezza.

Visualizza
Editoriali
Leggi tutti
Newsletter

Iscriviti subito!

Scrivi la tua email

Ogni giorno riceverai le nostre previsioni meteorologiche direttamente nella tua casella e-mail!

Info Viabilità

h 12.21: SS18 Tirrena Inferiore

incidente

Incidente con persone a 37,627 km prima di Incrocio Staz. Di Francavilla - SS19 Diramazione Delle C..…

h 12.13: A22 Autostrada Del Brennero

coda incidente

Code per 2 km causa incidente nel tratto compreso tra Bressanone (Km. 38) e Vipiteno (Km. 15,9)..…

Leggi tutti
Dal FORUM
Vai al forum