Scrivi una località, una regione o una nazione per ottenerne le previsioni del tempo
Località Data aggiornamento Quantità neve Impianti
MeteoLive NEWSLeggi tutte le news ›

La verità sull'Artico, ecco i numeri

Giunto con impressionante regolarità cronologica il consueto set di notizie preconfezionate riferito ai ghiacci artici, votate con sapiente abilità psicologica a incanalare forzatamente il pensiero dell'opinione pubblica verso una falsa non verità. Naturalmente noi non potevamo tacere, per noi parlano solo i numeri.

In primo piano - 30 Ottobre 2009, ore 10.01

Apri il giornale; solitamente lo fai di prima mattina, quando gli occhi ancora inturgiditi dal sonno recentemente spezzato da una sveglia impietosa, cadono là dove i titoli troneggiano con le loro tonalità più forti. La naturale selezione della mente umana, abituata dall'alta velocità del mondo moderno a filtrare automaticamente solo quello che è potenzialmente degno di interesse, porta il nostro sguardo a cadere inevitabilmente su quello che ci vogliono far leggere. Ma cosa ci vogliono far sapere questi titoloni scritti a caratteri cubitali? "Artico senza ghiacci nel 2040". Leggi, capisci poco e ti spaventi molto ma non basta. Il variegato corollario di stampa ti invoglia a imbracciare un altro giornale e leggi ancora: "Ghiacci artici in pericolo, spariranno dal 2100". Dopo aver letto con altrettanta apprensione le prime righe passi oltre ma ancora non è tutto. Ci sono anche i quotidiani gratuiti che naturalmente non possono mancare nell'aria inquinata del mattino durante il tragitto da casa al posto di lavoro. In prima pagina la musica non cambia: "Artico senza ghiacci? Mancano 20 anni". Morale: ancora prima di arrivare sul posto di lavoro la tua espressione inebetita da tale minestrone di matematica "approssimata" eguaglia con sconcertante somiglianza lo straordinario e azzeccatissimo sguardo bovino di Fantozzi davanti alla sua immancabile iella giornaliera. La maggior parte della gente digerisce inconsapevolmente il rospo. "Ma come staranno veramente le cose?" si chiedono invece i più lucidi e attenti. Si, perchè se la maggior parte delle persone mangia ancora la foglia, qualcun'altro ha invece già capito il trucco dell'ola mediatica e va ad approfondire nelle sedi opportune. E' quello che abbiamo fatto noi, se non altro per la nostra posizione di testata a divulgazione scientifica libera da schemi preconfezionati, giri illustri o necessità di sbancare il botteghino. Ripulita la farcitura subliminale e accantonato il gossip da strapazzo inserito a volte per insaporire le menti più sfuggevoli, siamo venuti al dunque e, come al solito, abbiamo scoperto quello che avevamo immaginato fin dall'inizio: è la solita bufala. I numeri più recenti ci fanno sapere che alla fine di settembre l'ammontare dell'estensione glaciale sui bacini artici è stata superiore di 1,06 milioni di kmq rispetto allo stesso periodo (il minimo annuale) del 2007 e di altri 690 mila kmq sopra il valore del 2008. Nonostante questo nel trend dell'ultimo trentennio, perchè dal 1979 sono partite le misurazioni satellitari, i ghiacci artici hanno perso l'11% per decade e risultano pertanto sotto tale media di 1,68 milioni di kmq. Mentre scriviamo la calotta artica, pur in crescita un po' lenta a causa dell'attuale debolezza del vortice polare che disperde aria fredda alle medie latitudini, ha già recuperato dall'estensione minima annuale di settembre 2,57 milioni di kmq e ammonta a 7.932.031 kmq. Per la fine del prossimo inverno ci attendiamo che la banchisa raggiunga il suo valore massimo pari a quasi 15 milioni di kmq. Come vedete questo è il normale trend annuale dei ghiacci artici. Ogni estate la supericie viene depauperata ai minimi termini per poi riformarsi durante l'inverno successivo, secondo le regole che, volenti o nolenti, la Natura ha disposto dall'inizio dei tempi. Le principali zone di ammanco risultano quella del Mare di Barents, sul lato euro-asiatico e quella del mare di Bering tra Siberia e nord America. Il tutto a causa dei flussi oceanici caldi inseriti nei nastri trasportatori che, volenti o nolenti, viaggiano secondo le normali regole disposte da Madre Natura. "Ma allora cos'è tutto questo allarmismo?" Vi abbiamo già risposto: è la solita bufala.

Autore : Luca Angelini

Questa pagina: Stampa Invia Favoriti | Condividi: Altro
Webcam
Vedi tutte
Satellite
Immagini e foto dal satellite

Immagini dal satellite

Guarda le ultime immagini inviate dal satellite Meteosat 8, da 36.000 km di altezza.

Visualizza
Editoriali
Leggi tutti
Newsletter

Iscriviti subito!

Scrivi la tua email

Ogni giorno riceverai le nostre previsioni meteorologiche direttamente nella tua casella e-mail!

Info Viabilità

h 15.01: A1 Milano-Bologna

incidente

Incidente a Modena Nord (Km. 157,6) in uscita in entrambe le direzioni dalle 14:57 del 24 set 201..…

h 15.01: A24 Roma-Teramo

rain

Pioggia nel tratto compreso tra Assergi (Km. 116,7) e Cartecchio in entrambe le direzioni dalle..…

Leggi tutti
Dal FORUM
Vai al forum