Scrivi una località, una regione o una nazione per ottenerne le previsioni del tempo
Località Data aggiornamento Quantità neve Impianti
MeteoLive NEWSLeggi tutte le news ›

La vera svolta METEO entro il 12 marzo?

Dobbiamo capire se davvero marzo prenderà una piega diversa da febbraio.

In primo piano - 4 Marzo 2019, ore 09.26

Fino a qualche emissione fa i segnali sembravano pessimi, nel senso che il modello americano non contemplava affatto la possibilità che durante il mese di marzo potesse esserci una frenata importante nella corrente a getto, tale da consentire l'ingresso sull'Italia di saccature in grado di distribuire precipitazioni significative sul nostro territorio.

Invece gradualmente le cose sono cambiate: era fisiologico del resto attendersi la diminuzione nell'attività del vortice polare; questo porta sempre anche ad una frenata della corrente a getto, quel fiume d'aria che corre sopra le nostre teste a 10km di altezza e funziona da regia del tempo atmosferico.

Una corrente a getto ondulata favorisce gli scambi meridiani di calore e facilita l'ingresso delle saccature colme di aria fresca alle basse latitudini, altrimenti non pioverebbe pressochè mai.

Si vede qualcosa del genere intorno a mercoledi 6 e giovedi 7 marzo, ma questo guasto potrebbe risultare solo un assaggio di quello ben più importante che il modello americano sta cercando di inquadrare tra il 12-13 e 14 marzo. 

L'affidabilità è buona? Secondo l'analisi comparata di tutti i 20 scenari del modello americano potremmo definirla discreta, con conferme progressive di emissione in emissione che fanno ben sperare, come del resto evidenziano le tante mappe che abbiamo pubblicato qui a fianco.

Il raffronto con altri modelli invece non convince ancora: quasi tutti vedono una corrente a getto ancora troppo tesa perchè le saccature entrino con facilità tra Iberia e Francia, mentre prevedono che esse possano limitare la loro azione all'area balcanica, accompagnate da correnti da nord-ovest. Insomma un film già visto.

Dunque dal raffronto si scende dal 35% di attendibilità del modello americano si scende al 25% di attendibilità generale. Si tratta comunque di un segnale che certamente il previsore deve cogliere e verificare nelle prossime emissioni.

Per pura curiosità l'ultima mappa che vi mostriamo qui a sinistra è relativa alle precipitazioni previste dalla media degli scenari del modello americano per martedi 12 marzo: si notano i fenomeni su Venezie e regioni centrali, anche significativi. Sul nord-ovest invece le correnti non risulterebbero ancora favorevoli, sul meridione le piogge arriverebbero il giorno seguente.

 


Autore : Alessio Grosso

Questa pagina: Stampa Invia Favoriti | Condividi: Altro
Webcam
Vedi tutte
Satellite
Immagini e foto dal satellite

Immagini dal satellite

Guarda le ultime immagini inviate dal satellite Meteosat 8, da 36.000 km di altezza.

Visualizza
Editoriali
Leggi tutti
Newsletter

Iscriviti subito!

Scrivi la tua email

Ogni giorno riceverai le nostre previsioni meteorologiche direttamente nella tua casella e-mail!

Info Viabilità
Leggi tutti
Dal FORUM
Vai al forum