Scrivi una località, una regione o una nazione per ottenerne le previsioni del tempo
Località Data aggiornamento Quantità neve Impianti
MeteoLive NEWSLeggi tutte le news ›

La tempistica del peggioramento: modello americano ed europeo a confronto

Il modello europeo anticipa leggermente la tempistica del peggioramento rispetto all'americano. C'è invece una discreta concordanza sulla "bontà" della saccatura.

In primo piano - 25 Settembre 2013, ore 11.05

Domani (giovedì), varcheremo la fatidica soglia dei tre giorni...e la tempistica del passaggio perturbato previsto sull'Italia tra domenica e lunedì si chiarirà in maniera forse definitiva.

Oggi si sonda ancora il terreno e si cerca di capire quale modello sarà più attendibile nella tempistica e nell'intensità dei fenomeni annessi.

Per un discorso più ampio vi rimandiamo alla rubrica "I tre tenori della meteo" che verrà pubblicata questa sera, ma una doverosa anticipazione sarà data in questa sede, considerando il modello europeo e quello americano.

Entrambi hanno una discreta convergenza di vedute sul transito perturbato atteso al centro-nord tra qualche giorno. Nessuna delle due elaborazioni lo snobba. Ci sono invece delle piccole differenze sulla tempistica del passaggio. In poche parole c'è ancora un po' di indecisione su "quando comincerà a piovere" sul nostro Paese.

Stante la direzione dominante delle correnti, le prime regioni che vedranno la pioggia saranno le nord-occidentali e a seguire tutte le altre.

Il modello europeo vede una tempistica leggermente più veloce.

Come potete vedere dalla cartina a fianco riportata, valida per le 2 della notte su domenica, il settore di nord-ovest si troverà assai vicino all'area di precipitazioni presenti più ad ovest.

Le prime piogge potrebbero cadere già nelle prime ore della giornata festiva, con il pomeriggio che vedrebbe un buon coinvolgimento del restante nord e della Toscana. Le altre regioni, ovviamente, resterebbero in attesa ed avrebbero la pioggia solo successivamente.

 

Secondo il modello americano, invece, la tempistica del peggioramento sarà leggermente più lenta. La cartina si riferisce sempre alle 2 della notte su domenica 29 settembre.

Rispetto al collega europeo, il settore di nord-ovest si troverà leggermente più lontano dall'area delle precipitazioni posta più ad ovest.

Secondo questo modello, la prima parte della giornata festiva potrebbe essere ancora asciutta sul nord-ovest, a parte forse qualche isolato rovescio sull'area alpina.

Le precipitazioni più corpose raggiungerebbero il settore nord-occidentale dal pomeriggio, per estendersi verso est solo in serata.

Quale modello avrà ragione? Non è una domanda dalla facile risposta. Si potrebbe semplicemente dire che spesso l'Europeo in passato ha battuto il collega americano sul medio-breve, ma non sarebbe una risposta esaustiva. Nelle prossime ore e nei prossimi giorni faremo il punto della situazione e...non mancate questa sera con " I tre tenori della meteo" dove si cercherà di fare ulteriore chiarezza sull'argomento.

 

 

 


Autore : Paolo Bonino

Questa pagina: Stampa Invia Favoriti | Condividi: Altro
Webcam
Vedi tutte
Satellite
Immagini e foto dal satellite

Immagini dal satellite

Guarda le ultime immagini inviate dal satellite Meteosat 8, da 36.000 km di altezza.

Visualizza
Editoriali
Leggi tutti
Newsletter

Iscriviti subito!

Scrivi la tua email

Ogni giorno riceverai le nostre previsioni meteorologiche direttamente nella tua casella e-mail!

Info Viabilità

h 14.41: A51 Via Raffaele Rubattino incrocio Tangenziale Est Di Milano

coda incidente

Code per 2,5 km causa incidente nel tratto compreso tra Svincolo Lambrate: Melzo - Dogana Segrate..…

h 14.39: Roma Via del Foro Italico

rallentamento

Traffico rallentato causa traffico intenso nel tratto compreso tra Corso di Francia e Viale della M..…

Leggi tutti
Dal FORUM
Vai al forum