Scrivi una località, una regione o una nazione per ottenerne le previsioni del tempo
Località Data aggiornamento Quantità neve Impianti
MeteoLive NEWSLeggi tutte le news ›

La scomparsa del forumista "Folletto"

La redazione di MeteoLive partecipa al lutto dei familiari ed esprime solidarietà a tutti i forumisti, compagni di tante avventure meteorologiche.

In primo piano - 15 Gennaio 2003, ore 10.01

Per ricordare la sua persona, scomparsa per un male incurabile all'età di 75 anni, crediamo sia giusto pubblicare il racconto che lui stesso rese noto nel forum di un bianchissimo ma triste Natale. In quell'occasione "Folletto", questo il suo nickname o nome d'arte, perse la moglie. Esprimiamo le nostre più sentite condoglianze ai suoi familiari, solidarizzando con i forumisti tutti. Altre parole le sentiremmo stonate e retoriche. Lasciamo allora spazio al suo racconto. "Il 23 Dicembre si era soliti andare ad Asiago a fare le ultime compere per il Natale che si passava con mogli ed amici intimi. Nel lontano 1972 avevo 45 anni e si era organizzata una cena con veglione e poi andare a messa a Lusiana a piedi (sono oltre 8 km)come era tradizione. La mattina del 24 ci svegliammo, faceva molto freddo, il mio termometro (comprato pochi giorni prima)segnava -19° ma il cielo era nuvoloso. Cominciarono a cadere i primi aghi di neve, fiocchi piccolissimi che nel giro di pochi minuti si infittirono talmente che limitavano la visibilità a poche decine di metri. La nevicata si intensificava sempre più ed i fiocchi cominciavano ad ingrossarsi mantenendo sempre una bassissima umidità interna,ogni fiocco faceva spessore. Solo dopo mezz'oretta al suolo si registravano 5 cm ed oltre, una vera fittissima nevicata (ne ricordo pochissime di questa intensità) e la temperatura saliva velocemente a -15°,il vento era l'unico assente. Dentro la baita eravamo in molte persone, almeno una decina, si giocava a carte, si beveva la grappa portata da un amico (Nardini), ogni tanto si guardava fuori dalla finestra e si vedeva solo un bianco candore. Passarono un paio d'ore ma lo spessore ormai superava i 30 cm:"davvero una cosa mai vista!!" sussurrai a tutti. Andammo fuori a spalare la neve dalla stradina, ma non appena finimmo c'era già almeno una decina di cm all'inizio della strada. Per fortuna la nevicatà ebbe una sosta, ma continuava a nevicare abbastaza bene con fiocchi un po' più piccoli. All'ora di cena misuravo sul giardino 45 cm di bianco candore. Passammo a cenare e divertirci un sacco, carte, tombola,vino, era tutto magnifico. Il gatto tutto infreddolito si avvicinò per la prima volta al camitetto che ardeva e scoppiettava,era davvero suggestivo. l'albero con le palle luccicanti,bei ricordi! Sulle dieci uscimmo di casa e la nevicata era cessata: faceva sempre un freddo cane: -17° e vento leggero da ovest, si da ovest. Questo non era certo di buon auspicio e lo capii subito, ci aspettava una tormenta sicuramente al ritorno. A messa ci si ritrovava e si parlava un po' con la gente, si discuteva della bellissima nevicata. I vecchi dicevano che non era finita che doveva ancora arrivare la bufera. Allora tra me e me dissi che i miei ragionamenti funzionavano. Uscimmo dalla chiesa e... una tormenta di neve con vento forte, freddissimo e la neve che cadeva copiosa. Impossibile vedere oltre i 5 metri, gli accumuli erano ventati ma impressionanti. Ci avviammo verso la baita,era impossibile camminare. Vento, neve, ghiaccio, gelo, tutto era un vero inferno di ghiaccio. I nostri amici si fermarono in paese dopo poco, invece io e la mia metà proseguimmo. Purtroppo proprio in quella notte di Natale successe l'imprevisto; stavamo arrivando, costeggiavamo il monte su una stradina conosciuta solo a noi, lì c'era pochissima neve perchè il vento non la faceva depositare, però c'era molto ghiaccio. All'improvviso sentii mia moglie urlare, mi voltai indietro e non la vedetti più. Morì scivolando per un precipizio, continuai disperato a cercarla ma non la trovai. Disperato cercavo, ma non avevo più nessuna forza, ero allo stremo. Arrivai,non so come ho fatto,in baita e piansi, piansi. La bufera imperversava, anche il monte piangeva con me quella notte, purtroppo il corpo non fu mai trovato, ma i "folletti" sanno dove si trova ed io accompagnato da loro ogni notte di Natale mi reco nella valle "della morte". Si ringrazia Emanuele Latini, Arbolle nel forum, per il post.

Autore : Redazione e "Folletto"

Questa pagina: Stampa Invia Favoriti | Condividi: Altro
Webcam
Vedi tutte
Satellite
Immagini e foto dal satellite

Immagini dal satellite

Guarda le ultime immagini inviate dal satellite Meteosat 8, da 36.000 km di altezza.

Visualizza
Editoriali
Leggi tutti
Newsletter

Iscriviti subito!

Scrivi la tua email

Ogni giorno riceverai le nostre previsioni meteorologiche direttamente nella tua casella e-mail!

Info Viabilità

h 13.17: A30 Caserta-Salerno

coda

Code per 3 km causa traffico congestionato nel tratto compreso tra Nola (Km. 18,9) e Allacciamento..…

h 13.15: A23 Palmanova-Tarvisio

coda rallentamento

Code causa traffico intenso a Barriera Di Ugovizza-Tarvisio (Km. 105,2) in direzione Tarvisio da..…

Leggi tutti
Dal FORUM
Vai al forum