Scrivi una località, una regione o una nazione per ottenerne le previsioni del tempo
Località Data aggiornamento Quantità neve Impianti
MeteoLive NEWSLeggi tutte le news ›

La possibile svolta FREDDA dell'Immacolata: quanto c'è di vero?

Novità dal modello americano e non solo...

In primo piano - 27 Novembre 2015, ore 09.23

Coraggiosa l'emissione di stamane del modello americano, che punta su una clamorosa spinta dell'anticiclone verso nord e sull'inserimento di correnti progressivamente più fredde dai quadranti nord-orientali e poi orientali sull'Italia a partire dal fine settimana legato al Ponte dell'Immacolata, addirittura sin da domenica 6 dicembre.

In effetti qualcosa sta bollendo in pentola da giorni perché l'indice AO, che segnala lo stato di forma del vortice polare, mette in evidenza un calo per i primi giorni di dicembre, calo che ora comincia anche a notarsi nell'indice NAO, che monitora la differenza di pressione tra l'area islandese e quella azzorriana.

Un calo marcato dell'AO e moderato della NAO ha certamente l'effetto di rivoluzionare il quadro barico previsto da qui alla prima decade di dicembre, quindi di FAR CAMBIARE IL TEMPO ma non si capisce quanto questa linea di tendenza possa risultare attendibile.

Certo alcuni modelli appoggiano questa opzione, come il canadese, il cinese, persino l'indiano e quello della marina militare americana, ma c'è sempre il centro europeo di Reading a dire sostanzialmente no.

Da notare che anche le corse di controllo del modello americano non sono affatto convinte di questa rivoluzione barica, seguitando a proporre al massimo alcuni moderati disturbi da ovest al dominio dell'anticiclone.

E' però necessario aggiungere che le corse di controllo girano a risoluzione molto più bassa di quella ufficiale e costituiscano una sorta di modello a sè, anche se la più performante, la corsa di controllo, sposa nel complesso la tesi fornita dalla corsa principale.

Come si svilupperebbe il tempo allora durante il Ponte? Con una circolazione fredda a tutte le quote, presente dunque anche a livello pellicolare, cioè in pianura, con rischio persino di qualche nevicata sulle zone soggette ad effetto stau, cioè ad accumulo di umidità, rispetto alle correnti orientali.

Su questo punto però saremo più precisi nei prossimi aggiornamenti, semmai vi fosse un seguito all'evoluzione prevista che al momento non supera il 35% di attendibilità.


Autore : Alessio Grosso

Questa pagina: Stampa Invia Favoriti | Condividi: Altro
Webcam
Vedi tutte
Satellite
Immagini e foto dal satellite

Immagini dal satellite

Guarda le ultime immagini inviate dal satellite Meteosat 8, da 36.000 km di altezza.

Visualizza
Editoriali
Leggi tutti
Newsletter

Iscriviti subito!

Scrivi la tua email

Ogni giorno riceverai le nostre previsioni meteorologiche direttamente nella tua casella e-mail!

Info Viabilità

h 10.44: A14 Pescara-Bari

incidente

Incidente nel tratto compreso tra Vasto Nord-Casalbordino (Km. 437,3) e Vasto Sud (Km. 454,6) in..…

h 10.38: SS7 Bis Di Terra Di Lavoro

problema sdrucciolevole

Fondo stradale dissestato a 4,576 km prima di Incrocio Nola A30 Ce-Sa - Sgc Nola-Domitio (Km. 50,3)..…

Leggi tutti
Dal FORUM
Vai al forum