Scrivi una località, una regione o una nazione per ottenerne le previsioni del tempo
Località Data aggiornamento Quantità neve Impianti
MeteoLive NEWSLeggi tutte le news ›

La perturbazione di lunedì 11 e martedì 12 sull'Italia: analisi e prospettive

Una dinamica di interazione nella quale verrebbero messe in gioco masse d'aria artiche e subito dopo polari marittime. Gli scenari sono ancora imprecisi ma qualche parola possiamo spenderla già adesso.

In primo piano - 4 Dicembre 2017, ore 19.00

Superata la festività dell'Immacolata, l'Europa ed il Mediterraneo si ritroveranno a fare i conti con una circolazione molto complessa che metterà in gioco masse d'aria dalle caratteristiche assai diverse. Le due principali messe in luce dai modelli saranno le masse d'aria artiche, provenienti dalla Penisola Scandinava e quelle polari marittime provenienti dall'oceano nord Atlantico e dalla Penisola del Labrador. Queste ultime dalle caratteristiche certamente più umide ma meno fredde, potranno dar luogo ad una dinamica cosiddetta "di interazione", nella quale i flussi di correnti umide e più temperate messe in gioco dalla nuova perturbazione, potrebbero sovrascorrere sopra aria relativamente più densa e pesante.

A grandi linee la dinamica che vi abbiamo appena descritto è già stata inquadrata dai modelli, seppur con grosse differenze tra le varie emissioni. 

I nodi principali da sciogliere, uno strettamente dipendente dall'altro sarebbero TRE: 

- intensità ed estensione dell'irruzione fredda artica sul Mediterraneo tra sabato 9 e domenica 10 dicembre. 

- Traiettoria, intensità e modalità di ingresso della perturbazione prevista sull'Europa tra lunedì 11 e martedì 12 dicembre. 

- Giocoforza, la distribuzione delle precipitazioni ed il limite della quota neve che potranno essere stabilite con più precisione soltanto quando verranno sciolti i due punti precedenti. 

Tra gli elementi che possiamo quindi confermare con ragionevole sicurezza, abbiamo la fase di RAFFREDDAMENTO che coinvolgerebbe con particolare vigore le regioni settentrionali nel prossimo fine settimana, mentre appare ancora incerto e comunque meno sicuro un raffreddamento altrettanto deciso sulle regioni del centro Italia e soprattutto del Mezzogiorno.

L'arrivo immediatamente successivo della perturbazione associata a rotazione del vento dai quadranti meridionali oppure occidentali, favorirà un probabile aumento della temperatura più marcato al centro ed al sud. Le precipitazioni sembrerebbero privilegiare le regioni del versante Tirrenico. Al settentrione come anticipato, appare possibile una dinamica da sovrascorrimento con chances di neve a bassa quota soprattutto sui settori occidentali. 

Nei prossimi aggiornamenti proveremo ad affinare la previsione al fine di comunicarvi una linea di tendenza più precisa ed affidabile. 


Autore : William Demasi

Questa pagina: Stampa Invia Favoriti | Condividi: Altro
Webcam
Vedi tutte
Satellite
Immagini e foto dal satellite

Immagini dal satellite

Guarda le ultime immagini inviate dal satellite Meteosat 8, da 36.000 km di altezza.

Visualizza
Editoriali
Leggi tutti
Newsletter

Iscriviti subito!

Scrivi la tua email

Ogni giorno riceverai le nostre previsioni meteorologiche direttamente nella tua casella e-mail!

Info Viabilità

h 05.18: A9 Lainate-Chiasso

coda

Code causa operazioni doganali nel tratto compreso tra Svincolo Di Como Nord (Km. 41,3) e Svincolo..…

h 04.15: A23 Palmanova-Tarvisio

rain

Pioggia nel tratto compreso tra Pontebba (Km. 92,4) e Dogana Di Coccau-Confine Di Stato (Km. 119,9)..…

Leggi tutti
Dal FORUM
Vai al forum