Scrivi una località, una regione o una nazione per ottenerne le previsioni del tempo
Località Data aggiornamento Quantità neve Impianti
MeteoLive NEWSLeggi tutte le news ›

La partita dell'inverno si gioca in terza decade?

L'evoluzione atmosferica attesa tra la seconda e la terza decade di gennaio potrebbe rivelarsi definitiva sulle sorti di questo inverno: scenari di freddo ed instabilità oppure proseguimento della zonale mite atlantica? Vediamo assieme cosa potrebbe aspettarci.

In primo piano - 11 Gennaio 2015, ore 21.00

Reduci da un'imponente scaldata anticiclonica che nella giornata di ieri, sabato 10 gennaio 2015, ha portato temperature sino a +25°C sulla Valpadana occidentale, l'alta pressione nei prossimi giorni subirà un lento ma graduale indebolimento. Gli aggiornamenti serali del modello europeo ed americano, sono entrambi concordi nel prevedere l'intervento di una perturbazione tra giovedì 15 e venerdì 16 gennaio. Questa perturbazione trascinerà con sè una massa d'aria più fresca di origine polare-marittima, mentre l'alta pressione oceanica tenderà ad assumere una posizione più defilata sull'oceano Atlantico.

L'interruzione del forcing imposto sino a questo momento dalla corrente a getto zonale che, lo ricordiamo, nella giornata di ieri, sabato 10 gennaio, ha raggiunto la ragguardevole velocità di 400km/h, sorvolando la regione est canadese sino all'Europa nord-occidentale, trarrà origine dal riassorbimento di una zona anticiclonica che ha influenzato sino a questo momento le aree occidentali americane e l'oceano Pacifico. Queste intrusioni d'aria calda dirette all'altro lato dell'emisfero, hanno infatti agevolato uno schiacciamento delle masse d'aria gelida legate al Vortice Polare in direzione del Canada orientale e dell'oceano Atlantico, determinando così un surplus di vorticità sulle alte latitudini d'Europa. Questo evento dovrebbe concludersi entro il termine di questa seconda decade di gennaio, aprendo la strada (forse) a qualche scenario più invernale.

A seguito della perturbazione attesa sul nostro territorio tra giovedì e venerdì prossimi, il weekend sabato 17 - domenica 18, potrebbe trascorrere sotto un vento di Favonio piuttosto freddo e turbolento. Il calo della temperatura legato all'introduzione di aria polare-marittima, riguarderebbe soprattutto i settori centrali e settentrionali dell'Italia.

A quel punto il ventaglio di scenari possibili diventa molto ampio, alcune previsioni pongono l'accento su di un nuovo incremento delle vorticità zonali dall'oceano Atlantico all'Europa settentrionale, determinando una nuova battuta d'arresto delle condizioni instabili sul Mediterraneo, altre previsioni mantengono un corridoio d'aria fredda diretto al cuore dell'Europa, con una terza decade più instabile ed invernale anche sull'Italia.


Autore : William Demasi

Questa pagina: Stampa Invia Favoriti | Condividi: Altro
Webcam
Vedi tutte
Satellite
Immagini e foto dal satellite

Immagini dal satellite

Guarda le ultime immagini inviate dal satellite Meteosat 8, da 36.000 km di altezza.

Visualizza
Editoriali
Leggi tutti
Newsletter

Iscriviti subito!

Scrivi la tua email

Ogni giorno riceverai le nostre previsioni meteorologiche direttamente nella tua casella e-mail!

Info Viabilità
Leggi tutti
Dal FORUM
Vai al forum