Scrivi una località, una regione o una nazione per ottenerne le previsioni del tempo
Località Data aggiornamento Quantità neve Impianti
MeteoLive NEWSLeggi tutte le news ›

La nevicata del marzo 1971 a Roma

Dopo un inverno mite e insignificante, almeno al Centro-Sud, la saldatura fra l'anticiclone atlantico e l'anticiclone russo provocò discese di aria fredda direttamente sulla nostra Penisola fra la fine di febbraio e i primi di marzo. Questi sono i ricordi nitidi di chi all'epoca era un bambino di quinta elementare che viveva a Roma.

In primo piano - 8 Febbraio 2010, ore 10.03

Sembrerà strano ma a dieci anni avevo visto la neve a Roma in più occasioni: il 9 febbraio 65 ( uno dei pochissimi ricordi nitidi di quell'anno ), il 12 febbraio 1969 e due spolverate nel famoso anno della contestazione studentesca, una il pomeriggio del 9 gennaio 68 l'altra notturna nel dicembre 68 ( ricordo solamente che era la notte fra un sabato e una domenica ). La data del 9 gennaio 68 mi è stata fornita da uno dei frequentatori romani del forum di meteoitalia. Nelle prime ore del 4 marzo 1971 a Roma quartiere Monteverde dopo una pioggia gelida insistente il calo di temperatura dovuto all'ingresso di correnti nordorientali provocò una breve nevicata che lasciò al suolo 3 centimetri. Il rasserenamento del cielo aveva anche fatto ghiacciare la neve e al mattino presto il paesaggio era decisamente invernale. Il sole di marzo cancellò ogni traccia e il giorno dopo, venerdì 5 marzo 1971 tutto sembrava terminato. Verso le 14 del 5 marzo il cielo della Capitale si andava annuvolando rapidamente di cumulonembi ( credo ) e ci fu qualche tuono e un debole rovescio prima di pioggia e grandine, poi di nevischio ma durò poco e tornò a splendere il sole con un vento frizzante e temperature non inferiori ai 5°. Frequentavo la quinta elementare e per il giorno dopo dovevo fare una noiosissima ricerca di scienze sulla struttura delle piante. Con scarso entusiasmo mi misi a fare i compiti per il giorno dopo isolandomi dall'esterno. Verso le 19, dopo un pomeriggio banale fra giochi e studio venni a sapere distrattamente dai miei che stava leggermente piovigginando e non mi venne minimamente il sospetto di ciò che stava per avvenire sotto il profilo atmosferico. Intorno alle 20 fui invitato dai miei ad affacciarmi alla finestra per una sorpresa: la precipitazione nevosa era da poco iniziata sotto forma di rovescio. Erano fiocchi enormi, ancora bagnati che si intensificavano sempre di più. In pochissimi minuti tutto si imbiancò e il paesaggio divenne inusuale ed irreale. La neve divenne sempre più asciutta e fitta e verso le 21 il manto aveva già uno spessore di qualche cm. Nelle ore successive la neve cadde abbondantissima sulla città e migliaia di automobili furono abbandonate anche perché in quegli anni quasi nessuno aveva le catene in macchina. Un rumore che mi è rimasto impresso nella mente è il crepitio dei fragili rami di eucalipto che si spezzavano sotto il peso della neve: ogni 3-4 minuti si udiva il crack secco di un ramo che cedeva ed era l'unico rumore che proveniva dall'esterno. Intorno a mezzanotte quando lo spessore del manto nevoso era sui 25 centimetri, smise gradualmente di nevicare. La mattina dopo c'era un cielo nuvoloso con sprazzi di sole e naturalmente non andai a scuola ma scesi nel giardino condominiale dove si sprofondava nella neve fresca. Le condizioni delle piante erano drammatiche: gli eucalipti avevano subito danni gravissimi, i cipressi del giardino, sovraccarichi di neve erano piegati ad U e la punta era ad un paio di metri da terra. Venticinque centimetri in 4 ore di nevicata fu veramente una intensità eccezionale per una località dove il fenomeno è raro. Questa intensità così eccezionale fu dovuta alla rilevante instabilità atmosferica conseguente al fortissimo contrasto termico che è tipico della fine dell'inverno o della primavera quando aria molto fredda irrompe sul bacino del Mediterraneo. Una configurazione barica identica in dicembre o gennaio avrebbe portato un fenomeno molto meno violento.

Autore : Alberto Bulgarelli (alberto60)

Questa pagina: Stampa Invia Favoriti | Condividi: Altro
Webcam
Vedi tutte
Satellite
Immagini e foto dal satellite

Immagini dal satellite

Guarda le ultime immagini inviate dal satellite Meteosat 8, da 36.000 km di altezza.

Visualizza
Editoriali
Leggi tutti
Newsletter

Iscriviti subito!

Scrivi la tua email

Ogni giorno riceverai le nostre previsioni meteorologiche direttamente nella tua casella e-mail!

Info Viabilità

h 17.13: A14 Bologna-Ancona

incidente

Incidente nel tratto compreso tra Bologna San Lazzaro (Km. 22,2) e Bologna Fiera in direzione aut..…

h 17.12: A90-GRA Aurelia-Salaria

coda incidente

Code causa incidente nel tratto compreso tra Svincolo 5: SS2bis Cassia Veientana (Km. 16,4) e Svinc..…

Leggi tutti
Dal FORUM
Vai al forum