Scrivi una località, una regione o una nazione per ottenerne le previsioni del tempo
Località Data aggiornamento Quantità neve Impianti
MeteoLive NEWSLeggi tutte le news ›

La neve primaverile nel passato: il caso 11 marzo 2004, a Trento cadde moltissima neve

Ripercorriamo la cronaca di quell'11 marzo 2004.

In primo piano - 4 Marzo 2010, ore 10.49

Da MeteoLive: 11 marzo 2004, versione originale... Perchè nevica ancora in pieno marzo al nord? Perché è ancora presente il contrasto fra i venti secchi e freddi da est richiamati dalla depressione presente sulle nostre regioni, e l'aria umida in arrivo da sud alle alte quote. Ancora stamani la neve continua a cadere sulle regioni settentrionali, in qualche caso fino in pianura; nel corso della prima mattinata i fiocchi di neve hanno fatto la loro comparsa anche nella città di Milano, ma anche in altre zone della Lombardia e della Pianura Veneta. Ora sta nevicando in maniera molto intensa su Trento. Perché continua a nevicare? Perché alle alte quote (fra i 3 ed i 9 km di altezza) poco a nord delle Alpi è ancora presente una goccia fredda, ossia una depressione associata ad una massa di aria fredda ed instabile; in queste ore il suo asse principale (il cosiddetto asse di saccatura) si staglia sul Piemonte fra il Novarese e l’Alessandrino; ad est di questa linea immaginaria (sempre alle alte quote) continuano ad affluire venti umidi da sud. Le correnti appena descritte contrastano con i venti freddi da est richiamati in prossimità del suolo (al di sotto dei 1000 metri, per essere più precisi) sulla Pianura Padana da un centro di bassa pressione posizionatosi sul medio Tirreno; si formano quindi nubi dense e compatte, che a causa delle basse temperature presenti su tutta la colonna d’aria (ossia dal suolo fino alle alte quote), generano nevicate, che in qualche caso risultano molto abbondanti proprio a causa della presenza dell’aria molto umida richiamata dalla goccia fredda. Ad ovest dell’asse di saccatura invece arrivano correnti più fredde e secche da nord, quindi sulle Alpi Piemontesi e la Valle d’Aosta, nonostante le precipitazioni nevose ancora presenti, il tempo non potrà che subire un lento ma inesorabile miglioramento già nel corso del pomeriggio. Ma l’asse di saccatura si sta spostando molto lentamente verso est, in direzione della Lombardia orientale e del Veneto; è quindi plausibile attendersi una graduale attenuazione delle nevicate anche sulla Pianura Padana centrale entro il tramonto. Anzi è probabile che in caso di precipitazioni molto deboli la neve si trasformi in pioggia al di sotto dei 100-200 metri.

Autore : Lorenzo Catania

Questa pagina: Stampa Invia Favoriti | Condividi: Altro
Webcam
Vedi tutte
Satellite
Immagini e foto dal satellite

Immagini dal satellite

Guarda le ultime immagini inviate dal satellite Meteosat 8, da 36.000 km di altezza.

Visualizza
Editoriali
Leggi tutti
Newsletter

Iscriviti subito!

Scrivi la tua email

Ogni giorno riceverai le nostre previsioni meteorologiche direttamente nella tua casella e-mail!

Info Viabilità

h 11.00: SS16 Adriatica

blocco incidente

Tratto chiuso causa incidente nel tratto compreso tra Incrocio S.Giorgio (Km. 811,4) e Incrocio Ba-..…

h 10.58: A22 Autostrada Del Brennero

rallentamento

Traffico rallentato causa traffico intenso nel tratto compreso tra Nogarole Rocca (Km. 243,7) e Rov..…

Leggi tutti
Dal FORUM
Vai al forum