Scrivi una località, una regione o una nazione per ottenerne le previsioni del tempo
Località Data aggiornamento Quantità neve Impianti
MeteoLive NEWSLeggi tutte le news ›

La NASA rivede al ribasso il nuovo ciclo solare, potrebbe essere tra i più deboli dell'ultimo secolo

Continua il febbrile studio dell'attività solare da parte degli scienziati della NASA. La magnitudo del ciclo solare 24, non ancora partito ufficialmente, potrebbe risultare molto debole e avere dunque voce in capitolo sull'andamento del nostro clima.

In primo piano - 4 Dicembre 2009, ore 10.20

Molti sono i quesiti che si stanno ponendo gli scienziati della NASA, impegnati ormai da qualche anno a comprendere le cause e le conseguenze di un minimo solare che non rispetta i canoni degli studi effettuati in materia. Diversi scenari previsionali si sono infatti rivelati inesatti e i relativi modelli sono stati di volta in volta nuovamente inizializzati con i dati freschi. E cosa ne è venuto fuori? Sicuramente il dato più importante che emerge da questi modelli è la continua stima al ribasso del nuovo ciclo undecennale dell'attività maculare del sole che dovrebbe partire ormai nel corso del 2010. Ma c'è di più: oltre ad aver corretto la magnitudo del prossimo ciclo, è stata spostata in avanti anche la forbice temporale entro il quale l'evento si dovrebbe verificare. Ciò sta a significare ulteriore incertezza nelle sorti di queste previsioni, le quali, ricordiamo, risultano al momento pionieristiche e sperimentali, ma l'unico metodo disponibile per abbozzare una linea di tendenza così importante. In altre parole quando ne usciremo da questo minimo? Secondo gli studi più accreditati nel corso del 2010, quando la nostra Stella potrebbe riprendere vigore rapidamente e raggiungere il suo apice intorno al 2013 con un numero massimo di macchie pari a 100. Ricordiamo a tal proposito che il numero massimo di macchie relativo al precedente e potente ciclo 23 è stato ci ben 170, registrato nell'estate del 2000. Si tratterebbe pertanto di un picco di attività tra i più annacquati dell'ultimo secolo e forse anche più. Quali conseguenze si potranno avere sul clima? Nessuna risposta in proposito risulta corredata da prove valide, dunque per avere un riscontro plausibile dovremo attendere che tale fase di stanca solare si concluda e dunque ricalcolare gli impatti sui bilanci radiativi della nostra atmosfera, ivi compreso il rifacimento completo di tutta la modellistica climatica relativa al cosiddetto Global Warming.

Autore : Luca Angelini

Questa pagina: Stampa Invia Favoriti | Condividi: Altro
Webcam
Vedi tutte
Satellite
Immagini e foto dal satellite

Immagini dal satellite

Guarda le ultime immagini inviate dal satellite Meteosat 8, da 36.000 km di altezza.

Visualizza
Editoriali
Leggi tutti
Newsletter

Iscriviti subito!

Scrivi la tua email

Ogni giorno riceverai le nostre previsioni meteorologiche direttamente nella tua casella e-mail!

Info Viabilità
Leggi tutti
Dal FORUM
Vai al forum