Scrivi una località, una regione o una nazione per ottenerne le previsioni del tempo
Località Data aggiornamento Quantità neve Impianti
MeteoLive NEWSLeggi tutte le news ›

La metamorfosi dei micro e topo-climi

Oggi l'esperienza osservativa diretta viene messa in crisi da una mutazione micro e topo-climatica che ci lascia impotenti.

In primo piano - 16 Giugno 2010, ore 11.21

Partiamo dal cielo: se fino a qualche anno fa la presenza di una data nuvola ad un'ora precisa, era un sicuro segnale di peggioramento del tempo, oggi spesso si brancola nel buio, le previsioni non trovano riscontro nei fatti, il tempo insomma su scala locale segue strade alternative. In altre parole se un contadino fino al 1990 poteva considerarsi il miglior conoscitore del clima della sua zona, ora questa sua leadership è messa in discussione dalle mutazioni micro-climatiche in atto.

Come un virus sviluppa resistenza ad un antibiotico e si modifica per combatterlo, così il tempo sembra volersi ribellare ai vincoli previsionali che gli pone l'uomo. "Vedete questa linea di instabilità? Nel pomeriggio porterà temporali qui, li e là.." e invece poi i temporali non si vedono. Ma come? Da che mondo e mondo un'equazione è sempre un'equazione! In meteorologia no...

Ecco spiegati i numerosi errori previsionali che ancora si compiono nelle singole località. Anche la passione più folle e la competenza più illustre non possono nulla contro i capricci del tempo.

Di norma a Milano accadeva questo in situazioni temporalesche: sveglia al mattino con piccolo rovescio, l'antipasto, schiarite tra le 10 e le 14, secondo temporale tra le 15 e le 17 e se l'appuntamento pomeridiano saltava, si rimediava con quello serale.

Oggi spesso non accade nulla di tutto questo, il "film" è tutto diverso: nuvoloni al mattino ma senza rovesci, schiarite fino a sera, tentativo notturno di temporale con percentuale di successo molto bassa.

Allora ci si arrabbia con il previsore di turno: "dove sono i temporali?", chiede giustamente il grande pubblico, ma giacchè il colonnello non ha diritto di replica per lo spazio esiguo che viene concesso nel nostro Paese alla meteorologia, allora tutti ritengono che l'uomo del tempo debba essere infallibile. "Con il satellite non può sbagliare", sentenzia il popolo.

Se è vero che in Italia ci sono 58 milioni di allenatori e anche vero che ci sono almeno 20 milioni di meteorologi, ma questo è un altro discorso. Il nocciolo della questione è: "perchè il micro e il topo-clima stanno mutando?". E' l'uomo il principale responsabile del cambiamento?

Provate ad aggirarvi per Milano: in città il verde, per quanto se ne dica, non manca affatto. Negli ultimi anni molte aree sono state riqualificate, appaltate ai privati e ben curate. Nei piani regolatori dei quartieri per ogni nuova costruzione si deve prevedere un adeguato spazio per il verde.

Lodevoli ad esempio le iniziative sulla Lorenteggio, dove insieme ad un nuovo supermercato sono nate delle belle aiuole, così come un plauso si deve fare al parco realizzato nei pressi della piscina Cardellino, zona abbandonata per troppi anni. Qualche critica in via Mar Jonio, dove per dar spazio alle macchine, il bel giardino in mezzo alla via è stato notevolmente ridotto.

Molte fabbriche abbandonate andrebbero abbattute e gli spazi restituiti alla natura. Le aree verdi curate sono notevolmente aumentate ma sono ancora troppo poche. Sembra un dato trascurabile ma un loro incremento esponenziale potrebbe avrebbe una notevole conseguenza sul topo-clima cittadino:

1 Maggiore umidità e dunque un evapotraspirazione più lenta e dunque qualche decimo di grado in meno in tutte le stagioni?

2 Una ridistribuzione delle brezze nei vari quartieri?

3 Qualche banco di nebbia mattutino in più d'inverno?

4 Una diminuzione dell'attività temporalesca sulla città?

5 Nulla di tutto questo?
Lasciamo aperta la discussione con tutti questi interrogativi: i laureandi avranno sicuramente trovato qualche spunto per una bella tesina che faccia ulteriore chiarezza sull'argomento. Il titolo potrebbe essere: "in che modo le attività antropiche modificano i micro e i topo-climi?"


Autore : Alessio Grosso

Questa pagina: Stampa Invia Favoriti | Condividi: Altro
Webcam
Vedi tutte
Satellite
Immagini e foto dal satellite

Immagini dal satellite

Guarda le ultime immagini inviate dal satellite Meteosat 8, da 36.000 km di altezza.

Visualizza
Editoriali
Leggi tutti
Newsletter

Iscriviti subito!

Scrivi la tua email

Ogni giorno riceverai le nostre previsioni meteorologiche direttamente nella tua casella e-mail!

Info Viabilità

h 09.03: A1 Milano-Bologna

incidente

Incidente nel tratto compreso tra Fidenza (Km. 90,4) e Allacciamento A15 Parma-La Spezia (Km. 102)..…

h 09.02: A14 Ancona-Pescara

incidente rallentamento

Traffico rallentato causa ripristino incidente nel tratto compreso tra San Benedetto Del Tronto (Km..…

Leggi tutti
Dal FORUM
Vai al forum