Scrivi una località, una regione o una nazione per ottenerne le previsioni del tempo
Località Data aggiornamento Quantità neve Impianti
MeteoLive NEWSLeggi tutte le news ›

La MAGIA delle aurore boreali e australi

Cerchiamo di analizzare uno dei fenomeni naturali più belli, che hanno alimentato numerose credenze popolari in tempi passati.

In primo piano - 15 Febbraio 2017, ore 15.33

L'aurora è una delle più spettacolari manifestazioni della natura, formata da luci e colori che vibrano nel cielo in maniera irregolare. Questi fenomeni si originano nelle zone polari dei due emisferi e prendono il nome a seconda che si verifichino nell’emisfero settentrionale (aurore boreali) e nell’emisfero australe (aurore australi).

Il loro aspetto è molto variabile e va da un arco o un raggio splendente quasi fermo nel cielo ad una cascata di colori che si muovono e vibrano in tutta la volta celeste. A causa della loro spettacolarità, questi fenomeni alimentarono molte credenze popolari, soprattutto nel Medioevo.

Le aurore erano considerate di cattivo auspicio, presagi di sventura per i tempi futuri. Molti studi sono stati fatti per cercare di comprendere le cause che originavano questi fenomeni e negli ultimi anni sono arrivate anche delle risposte.

Le aurore non sono altro che effetti ottici e sono prodotte dagli urti degli elettroni provenienti dal vento solare con le molecole gassose della parte superiore dell’atmosfera terrestre. Questi elettroni viaggiano a velocità molto elevate ed entrando in collisione con le molecole di gas rarefatto dell'alta atmosfera generano effetti elettromagnetici con liberazione di luce.

I diversi colori che si originano sono dovuti agli impatti degli elettroni provenienti dal sole con i vari elementi presenti nell’atmosfera: se l'impatto avviene con una molecola di ossigeno, il colore risultante sarà il giallo sfumato o il rosso. Se ad essere “bersagliata” è una molecola di azoto, il colore risultante sarà il blu.

Gli elettroni, facenti parte del vento solare, presentano carica negativa e sono maggiormente attirati dai poli magnetici terrestri. Per questo motivo le aurore sono fenomeni tipici delle zone polari, in una fascia compresa tra i 20°-25° dai poli magnetici nord e sud della Terra. Nonostante siano state date molte spiegazioni scientifiche, le aurore ancora oggi incutono curiosità e perché no, anche un po' di paura.


Autore : Paolo Bonino

Questa pagina: Stampa Invia Favoriti | Condividi: Altro
Webcam
Vedi tutte
Satellite
Immagini e foto dal satellite

Immagini dal satellite

Guarda le ultime immagini inviate dal satellite Meteosat 8, da 36.000 km di altezza.

Visualizza
Editoriali
Leggi tutti
Newsletter

Iscriviti subito!

Scrivi la tua email

Ogni giorno riceverai le nostre previsioni meteorologiche direttamente nella tua casella e-mail!

Info Viabilità

h 23.18: A4 Brescia-Padova

coda incidente

Code causa incidente nel tratto compreso tra Svincolo Brescia Est (Km. 230,2) e Svincolo Brescia Ce..…

h 22.46: SS3bis Bis tiberina (e45)

incidente

Riduzione di carreggiata causa ripristino incidente nel tratto compreso tra Incrocio Pieve S.Stefan..…

Leggi tutti
Dal FORUM
Vai al forum