Scrivi una località, una regione o una nazione per ottenerne le previsioni del tempo
Località Data aggiornamento Quantità neve Impianti
MeteoLive NEWSLeggi tutte le news ›

La "GOCCIA FREDDA" che manda nel pallone i modelli! Perché?

Alta pressione forte nei primi giorni di giugno? Probabile! Tuttavia un'insidiosa GOCCIA FREDDA potrebbe comportarsi come una mina vagante e mettere i bastoni tra le ruote al progetto stabilizzante. Al momento, comunque, si tratta di un'ipotesi abbastanza remota.

In primo piano - 28 Maggio 2015, ore 11.00

Con il termine "GOCCIA FREDDA" si intende una massa d'aria caratterizzata da temperature piuttosto basse e conseguente clima instabile. Attorno ad essa, solitamente, dominano strutture anticicloniche anche solide, che determinano tempo stabile e un generale aumento delle temperature.

La struttura instabile "a goccia" risulta quindi estromessa dal flusso perturbato principale (in gergo tecnico: CUT OFF) e si comporta quindi come una vera e propria MINA VAGANTE che può muoversi in tutte le direzioni. 

Si tratta della bestia nera per eccellenza di modelli e previsori, in quanto stabilire a priori il comportamento e il movimento di una struttura come questa non è mai facile. 

Da qualche giorno i riflettori sono puntati su una forte rimonta anticiclonica che potrebbe interessare gran parte del nostro Continente e il bacino del Mediterraneo nei primi giorni di giugno.

Pur essendo in netta minoranza, alcuni run perturbatori del modello americano e in parte il run ufficiale del modello europeo optano per un'interferenza a questo progetto stabilizzante...interferenza derivata proprio da una figura instabile "a goccia" tagliata dal flusso perturbato principale.

La cartina in alto a sinistra ci mostra uno scenario molto pessimistico e comunque scarsamente credibile per i primi giorni di giugno, con la goccia fredda in questione che si muoverebbe di moto retrogrado dai Balcani verso l'Italia. E palese che con una situazione sinottica del genere, il progetto stabilizzante estivo subirebbe un nuovo stop e la parte forte dell'alta pressione slitterebbe troppo a nord, senza interessarci direttamente.

Ribadiamo che, per il momento, questa ipotesi è in netta minoranza. La maggior parte della modellistica odierna opta difatti per un solido anticiclone nel Mediterraneo a partire dalla seconda metà della prossima settimana. In meteorologia, comunque, tutte le ipotesi non vanno scartate a priori e ci sembra quindi corretto prendere in considerazione anche questa.

Se metti "Mi piace" sulla nostra pagina Facebook riceverai i nostri aggiornamenti meteo direttamente sulla tua bacheca di Facebook e potrai interagire con tutti gli altri nostri fan: https://www.facebook.com/MeteoLive 

 

 


Autore : Paolo Bonino

Questa pagina: Stampa Invia Favoriti | Condividi: Altro
Webcam
Vedi tutte
Satellite
Immagini e foto dal satellite

Immagini dal satellite

Guarda le ultime immagini inviate dal satellite Meteosat 8, da 36.000 km di altezza.

Visualizza
Editoriali
Leggi tutti
Newsletter

Iscriviti subito!

Scrivi la tua email

Ogni giorno riceverai le nostre previsioni meteorologiche direttamente nella tua casella e-mail!

Info Viabilità
Leggi tutti
Dal FORUM
Vai al forum