Scrivi una località, una regione o una nazione per ottenerne le previsioni del tempo
Località Data aggiornamento Quantità neve Impianti
MeteoLive NEWSLeggi tutte le news ›

La dinamica dell’irruzione fredda in corso

Cosa accadrà adesso? Ci dobbiamo attendere l’arrivo di nuovi impulsi freddi a breve termine?

In primo piano - 7 Aprile 2003, ore 09.54

L’intenso fronte freddo che ieri mattina avevamo individuato poco ad ovest della Porta della Bora (fra Slovenia e Croazia) ha attraversato fra il pomeriggio e la serata gran parte delle nostre regioni, portando molto vento ed un calo consistente delle temperature. Al suo passaggio sul Mare Adriatico si sono sviluppate nubi prevalentemente stratificate, così come sta accadendo adesso sui mari attorno alla Sardegna; ma per quale motivo in questo frangente i banchi nuvolosi sono più compatti dopo che il fronte freddo è transitato e non prima come ci si aspetterebbe normalmente? Perché la massa d’aria gelida in arrivo è prevalentemente molto secca e di conseguenza al suo passaggio su uno strato d’aria mite con umidità relativa vicina al 100% (come è quello appena sopra la superficie marina) si genera un processo di evaporazione estremamente accentuato, che date le basse temperature in gioco provoca appunto lo sviluppo di estese formazioni di nubi stratificate basse ed un calo ulteriore dei valori termici nei bassi strati dell’atmosfera. Tornando alla situazione generale possiamo dire che adesso al suolo è presente una depressione sullo Ionio ed un’altra (quella principale) al confine fra Europa e Russia; il centro motore della struttura depressionaria alle alte quote invece si trova adesso fra Serbia e Boemia, ed è cinto da una corrente a getto molto intensa che scorre attualmente su Svezia, Danimarca, Germania occidentale, Francia orientale, Svizzera, Alpi Piemontesi, Riviera di Ponente, coste tirreniche, Basilicata e Ionio. Nelle prossime ore il sistema depressionario tenderà lentamente a traslare verso est a tutte le quote, a causa del graduale indebolimento della corrente a getto polare fra la Francia e la Sardegna; perciò a partire da stasera le temperature in quota (al di sopra dei 2 km di altezza) torneranno lentamente a salire. Al suolo invece la cessazione o l’indebolimento dei venti porterà ad un calo repentino dei valori termici; in Pianura Padana stanotte si potrà allora arrivare a toccare i –1, -2°C, mentre nelle zone dove ci sono state nevicate abbondanti (Marche, Abruzzo e Molise) si potranno registrare anche valori vicini ai –5°C, -6°C in collina. Dando uno sguardo ai giorni successivi c’è da notare un fenomeno piuttosto curioso: la depressione che attualmente ci sta interessando, dopo essere traslata verso il Mar Nero non continuerà il suo viaggio verso est, ma tornerà dapprima verso nord (sulla Polonia) e poi verso ovest (su Danimarca e Germania settentrionale). Tale “manovra” favorirà l’aggancio della struttura depressionaria stessa da parte delle correnti atlantiche, rimaste relegate fino ad adesso in aperto Oceano; per martedì pomeriggio e mercoledì c’è quindi da aspettarsi un graduale aumento della temperatura associato anche ad un moderato peggioramento, che si concretizzerà maggiormente giovedì prossimo, con qualche pioggia (più probabile stavolta al nord) e neve ormai relegata a quote più alte. Per ulteriori dettagli previsionali vi rimandiamo comunque ai prossimi articoli.

Autore : Lorenzo Catania

Questa pagina: Stampa Invia Favoriti | Condividi: Altro
Webcam
Vedi tutte
Satellite
Immagini e foto dal satellite

Immagini dal satellite

Guarda le ultime immagini inviate dal satellite Meteosat 8, da 36.000 km di altezza.

Visualizza
Editoriali
Leggi tutti
Newsletter

Iscriviti subito!

Scrivi la tua email

Ogni giorno riceverai le nostre previsioni meteorologiche direttamente nella tua casella e-mail!

Info Viabilità

h 00.59: A1 Milano-Bologna

incidente

Incidente nel tratto compreso tra Lodi (Km. 22,7) e Casalpusterlengo (Km. 37,9) in direzione Bolo..…

h 00.59: A1 Firenze-Roma

incidente rallentamento

Traffico rallentato causa incidente nel tratto compreso tra Fabro (Km. 428) e Chiusi-Chianciano (Km..…

Leggi tutti
Dal FORUM
Vai al forum