Scrivi una località, una regione o una nazione per ottenerne le previsioni del tempo
Località Data aggiornamento Quantità neve Impianti
MeteoLive NEWSLeggi tutte le news ›

La depressione del week-end: da dove arriva, dove va, cosa combinerà

La grande ruota depressionaria da giorni arenata tra il vicino Atlantico e l'Europa occidentale offrirà una pulsazione anche verso il Mediterraneo e l'Italia, dove si avrà una recrudescenza dei fenomeni. Ecco dove e quando.

In primo piano - 26 Settembre 2012, ore 12.35

 Week-end all'insegna della depressione per molti regioni d'Italia, non tanto quella dell'animo, quanto quella che da giorni si è insediata sul vicino Atlantico facendo perno sul Regno Unito. Una configurazione squisitamente autunnale, che però al momento deve fare a cazzotti con gli strascichi dell'estate che ancora si portano dietro il nord Africa e il Mediterraneo.

Come evolverà questa depressione e cosa ci porterà in concreto? Al momento è in atto un blocco della circolazione sul comparto euro-mediterraneo a causa della presenza di un rubusto campo di alte pressione esteso dal nord Africa al Mediterraneo centro-orientale con promontorio fin sulla Russia. Questo muro anticiclonico non permette ad un vasto e profondo centro di bassa pressione con perno sulle Isole Britanniche, di progredire verso levante in seno alle correnti occidentali.

Tra giovedì 27 e venerdì 28 una pulsazione del ramo secondario del Getto Polare, che alimenta il vortice, andrà a sorvolare la regione iberica spingendosi fin sulle regioni settentrionali algerine. Qui interagirà con l'orografia sottostante (cordigliere e catena dell'Atlante) andando ad approfondire il vortice a tutte le quote sulla verticale di Gibilterra.

Frattanto dall'Atlantico un secondo strappo di vento alle alte quote, questa volta a curvatura anticiclonica, andrà ad alimentare un campo di alta pressione che dal pieno oceano punterà l'Europa centrale. La manovra avrà il merito di sbloccare i flussi permettendo all'asse depressionario di progredire verso levante e di andare ad interessare anche l'Italia nel corso del fine settimana.

Una perturbazione in particolare, la numero 6 di settembre, avrà il compito di separare le masse d'aria intermedie in arrivo dall'Atlantico e quelle subtropicali che seguiteranno a fluire anche attraverso il nord Africa. Il sistema frontale sarà preceduto sabato mattina da una nuvolaglia irregolare ma prevalentemente sterile diretta verso il centro-sud (banda baroclina), poi tra pomeriggio e sera da un flusso molto più umido e instabile (nastro trasportatore caldo) che darà inizio alle prime precipitazioni.

Queste ultime si concentreranno principalmente al nord e su parte del centro. Tra sabato 29 e domenica 30, forbice temporale nella quale è anche previsto il transito del fronte, sono attese precipitazioni importanti in particolare su tutti i settori orograficamente esposti alle umide correnti meridionali, quindi Liguria, fascia prealpina centro-orientale e Friuli Venezia Giulia. Temporali anche intensi saranno possibili anche su Toscana, Lazio e sul nord della Sardegna.

Ancora in attesa il sud, dove dovremo attendere lunedì 1 ottobre per apprezzare quantomeno un ricambio d'aria, ma le ultime elaborazioni mostrano una sensibile riduzione delle precipitazioni inizialmente previste.


Autore : Luca Angelini

Questa pagina: Stampa Invia Favoriti | Condividi: Altro
Webcam
Vedi tutte
Satellite
Immagini e foto dal satellite

Immagini dal satellite

Guarda le ultime immagini inviate dal satellite Meteosat 8, da 36.000 km di altezza.

Visualizza
Editoriali
Leggi tutti
Newsletter

Iscriviti subito!

Scrivi la tua email

Ogni giorno riceverai le nostre previsioni meteorologiche direttamente nella tua casella e-mail!

Info Viabilità
Leggi tutti
Dal FORUM
Vai al forum