Scrivi una località, una regione o una nazione per ottenerne le previsioni del tempo
Località Data aggiornamento Quantità neve Impianti
MeteoLive NEWSLeggi tutte le news ›

La crisi temporalesca di giovedì sera sul nord-ovest

Una serie di temporali intensi hanno colpito nella serata di ieri ( giovedì) parte delle regioni settentrionali. Gli effetti più vistosi si sono avuti in Piemonte.

In primo piano - 3 Maggio 2013, ore 08.53

Sembrava un pomeriggio come tutti gli altri, anzi, il sole aveva finalmente fatto capolino tra le nubi. I rovesci presenti in prossimità delle Alpi occidentali non destavano troppa preoccupazione.

All'improvviso, il cielo del Piemonte si fa scuro, da ovest. I temporali dalle Alpi sconfinano prima sulle zone pianeggianti del Cuneese e del Torinese, poi marciano spediti verso Alessandrino, Pavese... e ancora più ad est, saltando poi improvvisamente la città di Milano e riformandosi a qualche km dalla periferia est. Anche le città di Parma e Piacenza vengono interessate da un nucleo temporalesco veloce, ma intenso.

La grandine è caduta in molte zone, anche abbondante soprattutto in Piemonte. Qui siamo a Mondovì, in provincia di Cuneo, una delle zone più colpite dal passaggio del nucleo tempolalesco.  Guardate quanta grandine è presente al suolo!

Danni anche per il forte vento, che ha accompagnato il transito dei nuclei temporaleschi più intensi.

Altre grandinate, con chicchi di grosse dimensioni, hanno interessato l'Astigiano, l'Alessandrino e le zone immediatamente a sud di Vercelli. La struttura instabile si è poi spostata verso levante coinvolgendo il Pavese, saltando "accuratamente" (!) la città di Milano e dirigendosi verso il Bergamasco, il Parmense e il Piacentino.

 

Ecco la riflettività del radar alle 18 di ieri sera. Dove vedere i colori rossi le precipitazioni sono in prevalenza grandinigene o di forte intensità.

Notate l'interessamento del Cuneese e dell'Astigano. Interessato più marginalmente il Torinese, con Torino città che ha avuto solo un breve acquazzone accompagnato da raffiche di vento da ovest.

 

 

Due ore dopo, attorno alle 20, questa era la situazione. Il Piemonte usufruisce di una pausa, mentre gran parte della Lombardia e dell'Emilia occidentale sono sotto torchio.

Veramente bello il lungo serpentone di rovesci ( in gergo tecnico "squal-line) che dall'est Milanese si staglia fino al Piacentino-Parmense. Al loro interno frequenti situazioni grandinigene, fulminazioni e vento forte.

La linea di instabilità è progredita poi fino al Bresciano, uscendo poi dal campo di competenza del radar.

 

 

 

 

 

 

 

 

 


Autore : Paolo Bonino

Questa pagina: Stampa Invia Favoriti | Condividi: Altro
Webcam
Vedi tutte
Satellite
Immagini e foto dal satellite

Immagini dal satellite

Guarda le ultime immagini inviate dal satellite Meteosat 8, da 36.000 km di altezza.

Visualizza
Editoriali
Leggi tutti
Newsletter

Iscriviti subito!

Scrivi la tua email

Ogni giorno riceverai le nostre previsioni meteorologiche direttamente nella tua casella e-mail!

Info Viabilità
Leggi tutti
Dal FORUM
Vai al forum