Scrivi una località, una regione o una nazione per ottenerne le previsioni del tempo
Località Data aggiornamento Quantità neve Impianti
MeteoLive NEWSLeggi tutte le news ›

La brezza di mare e di terra

Qual è il meccanismo che porta alla loro formazione e dove si verificano.

In primo piano - 28 Giugno 2010, ore 09.57

Soprattutto fra maggio e settembre, si sente parlare spesso delle brezze e del loro effetto mitigatore sul clima dei litorali in genere. Ma cosa sono le brezze, e perché si formano? Nella stagione estiva il sole riscalda notevolmente la terraferma, soprattutto nelle ore centrali della giornata; l’aumento di temperatura del terreno e dell’aria provoca una fastidiosa sensazione di caldo opprimente.

Il mare, però, ha una capacità termica molto grande rispetto a quella del terreno, e quindi tende a mantenere una certa temperatura molto più a lungo; l’acqua si mantiene fresca rispetto al terreno anche durante le giornate più calde.

A titolo di esempio se la temperatura della superficie marina nei nostri mari varia tra i 21°C e i 23°C; risulterà anche di 5-8°C più bassa se non di più, rispetto alla terraferma.

Questo divario di temperatura fa si che a livello di densità ci sia una notevole differenza fra le masse d’aria che sovrastano il suolo nelle 2 zone che abbiamo distinto; ciò si traduce in un minor peso dell’aria che si trova sulla terraferma (perché più calda) e quindi con una minore pressione atmosferica. In pratica sulla superficie marina la pressione è più elevata che nell’entroterra; si tratta comunque di divari leggeri e non rilevabili con un barometro usuale, ma bastano per far si che le correnti seguano le leggi delle grandi figure bariche come gli anticicloni e le depressioni.

Allora il vento, andando verso il centro della bassa pressione, tende a soffiare, leggero, dal mare verso l’entroterra; ecco che si genera la brezza di mare. Può capitare che , in alcune giornate particolarmente soleggiate e calde, la brezza si alzi all’improvviso e soffi con intensità decisamente moderata; l’effetto è comunque lo stesso, cioè: una diminuzione di temperatura di alcuni gradi sui litorali e sull’entroterra fino ad alcuni chilometri all’interno, e un leggero calo dell’umidità se precedentemente c’era afa opprimente.

Verso sera il sole si trova sull’orizzonte e il terreno comincia a raffreddarsi. I contrasti di temperatura vengono meno, diminuisce anche il divario di pressione fra mare ed entroterra e quindi la brezza cala , fino a spegnersi definitivamente un’ora circa dopo il tramonto. Ma non è finita qui; infatti, proprio grazie alla capacità termica del mare, la notte si può verificare l’effetto contrario; il terreno in prossimità delle spiagge può infatti arrivare a temperature di 15-16°C ed ecco che si ha nuovamente una differenza consistente di temperatura con la distesa di acqua.

Stavolta però il vento soffia in direzione contraria alla brezza di mare e normalmente risulta molto meno intenso ed efficace; anzi, talvolta va a “pescare” su terreni confinanti con conche interne, dove durante il giorno il solleone è stato implacabile e l’umidità si è accumulata in quantità. Ecco quindi che la sgradevole sensazione di afa notturna che spesso non ci fa dormire, viene ulteriormente accentuata.


Autore : Lorenzo Catania

Questa pagina: Stampa Invia Favoriti | Condividi: Altro
Webcam
Vedi tutte
Satellite
Immagini e foto dal satellite

Immagini dal satellite

Guarda le ultime immagini inviate dal satellite Meteosat 8, da 36.000 km di altezza.

Visualizza
Editoriali
Leggi tutti
Newsletter

Iscriviti subito!

Scrivi la tua email

Ogni giorno riceverai le nostre previsioni meteorologiche direttamente nella tua casella e-mail!

Info Viabilità

h 15.01: A1 Milano-Bologna

incidente

Incidente a Modena Nord (Km. 157,6) in uscita in entrambe le direzioni dalle 14:57 del 24 set 201..…

h 15.01: A24 Roma-Teramo

rain

Pioggia nel tratto compreso tra Assergi (Km. 116,7) e Cartecchio in entrambe le direzioni dalle..…

Leggi tutti
Dal FORUM
Vai al forum