Scrivi una località, una regione o una nazione per ottenerne le previsioni del tempo
Località Data aggiornamento Quantità neve Impianti
MeteoLive NEWSLeggi tutte le news ›

L'uragano Sandy verso la costa est degli States, mezza America trema

Sono soprattutto New York e la capitale Washington in attesa dei fenomeni di picco del ciclone, che arriverà nella notte su martedì 30. Si teme per gli effetti indotti, primo fra tutti il surge oceanico. Emergenza in sette Stati.

In primo piano - 29 Ottobre 2012, ore 11.50

 Spesso la forza di un uragano, individuata dalla classificazione ufficiale Saffir-Simpson, non è completa e sufficiente a prevedere i danni effettivi che si abbatteranno su una determinata località. In una città popolata come New York ad esempio, una uragano di categoria potrebbe lasciare veramente il segno. 

Ferma la metropolitana, inclusa quella di Times Square, una delle più affollate al mondo, che appare spettrale. Si spegne Broadway. Chiudono i grandi magazzini. La Borsa di Wall Street oggi, lunedì, non apre e forse neanche domani: è la prima volta dall'11 settembre 2011 e la prima volta in 27 anni per condizioni climatiche.


Così ben sette Stati lungo la coste est, New Jersey, Washington, Maryland, New York, Massachusetts, Distretto di Columbia e North Carolina si apprestano ad accogliere Sandy con tutte le cautele del caso. Decine di migliaia di persone lungo la costa di Delaware, New Jersey, Connecticut e altre aree a rischio hanno ricevuto l'ordine di evacuazione. Le compagnie aeree hanno cancellato più di 7.400 voli. Gli uffici federali a Washington sono chiusi per l'intera giornata, così come i servizi di trasporto pubblico. Chiuse anche le scuole a New York, Boston e in altre città. E gli evacuati sono centinaia di migliaia, 375.000 solo a New York.

L'incognita più pesante rimane quella del "surge", ovvero dell'innalzamento del livello del mare a causa delle acque spazzate e ammassate dai forti venti. Il disastro causato dal surge legato al passaggio di Katrina su New Orleans ce lo ricordiamo tutti. La mappa qui a fianco ci mostra i livelli di innalzamento previsti: nelle baie di New York la criticità più evidente, con un'effetto imbuto che potrebbe far salire il livello delle acque fino a 3 metri e mezzo.

Il mostro punterà dritto la costa est che impatterà nella notte su martedì 30 passando poi tra le città di Washington e New York. Al momento dell'impatto la categoria prevista è la 1 su 5 con venti che soffieranno sulle due città a 120 km/h ma con velocità di picco fino a 148km/h.

La mattina sta per alzare le sue luci sulle città americane, ma in questo lunedì di fine ottobre il sole non si vedrà e la giornata sarà davvero pesante per centinaia di migliaia di persone alle quali va fin d'ora tutto il nostro supporto.

 


Autore : Luca Angelini

Questa pagina: Stampa Invia Favoriti | Condividi: Altro
Webcam
Vedi tutte
Satellite
Immagini e foto dal satellite

Immagini dal satellite

Guarda le ultime immagini inviate dal satellite Meteosat 8, da 36.000 km di altezza.

Visualizza
Editoriali
Leggi tutti
Newsletter

Iscriviti subito!

Scrivi la tua email

Ogni giorno riceverai le nostre previsioni meteorologiche direttamente nella tua casella e-mail!

Info Viabilità
Leggi tutti
Dal FORUM
Vai al forum