Scrivi una località, una regione o una nazione per ottenerne le previsioni del tempo
Località Data aggiornamento Quantità neve Impianti
MeteoLive NEWSLeggi tutte le news ›

L'uomo e la montagna

L'agricoltura sulle Alpi.

In primo piano - 23 Aprile 2008, ore 09.30

In molte zone delle Alpi il paesaggio rurale tradizionale sembra a prima vista integro. Il suo valore è costituito dal fondersi di un insieme di piccole aree utilizzate in modo estensivo con il paesaggio naturale. La grande varietà di specie e habitat naturali, dovuta alla presenza di tanti diversi micro-ecosistemi, costituisce il fascino esercitato dal paesaggio sull'uomo. Nei territori montani si stanno verificando notevoli cambiamenti strutturali. L'agricoltura di pianura, molto più redditizia, costituisce un pericolo per il patrimonio dei paesaggi rurali alpini: si sfruttano le aree di fondovalle mentre le zone che rendono meno o quelle più isolate vengono abbandonate. Anche nelle regioni alpine tuttavia si commettono errori quando nei pascoli di altura si portano concimi esterni o quando si fanno pascolare capi pesanti che rovinano le zolle erbose. Per ovviare a tutto ciò bisognerebbe perseguire l'agricoltura di montagna in modo tale da usare le risorse compatibili con le necessità dell'ambiente. Tipologia ed elementi del paesaggio rurale a cura della Cipra(Commissione internazionale per la Protezione delle Alpi): situazione attuale Prati da sfalcio o subalpini: abbandono nelle zone più ripide o poco collegate o sfruttamento intensivo con concimazione, pascolo (ovini) e prosciugamento. Zone a terrazzamenti con coltivazione estensiva di seminative montane: abbandono per problemi strutturali. Pascoli montani primaverili, fascia prealpina: abbandono e degrado. Alpeggi di altura: sfruttamento intensivo con concimazione, aumento dei capi di bestiame adulti (in parte per la politica agraria, uso di mangimi concentrati ed eccessivi concimi) immissione di animali più pesanti (calpestio). Corsi d'acqua e aree golenali naturali: regimazione, canalizzazione, immissione di concimi, calpestio di bestiame, sfruttamento energetico. Il termine coltura all'inizio indicava l'amore, la dedizione e l'impegno che l'uomo con il suo lavoro dedicava alla terra; assunse poi un diverso significato sino a che la civiltà e le tecnologia lo riavvicinarono al concetto originale di "cura della terra". Nell'arco alpino i due versanti, settentrionale e meridionale, si distinguono tra loro per quanto riguarda l'agricoltura. Nelle Alpi meridionali dominano le colture seminative, in quelle settentrionali prevale l'attività zootecnica. Le differenze esistenti sono dovute, sin dai tempi antichi, a motivi naturali oltre che economici, politici e culturali. I coltivatori delle Alpi meridionali vivevano in villaggi e le proprietà venivano divise tra tutti gli eredi; mentre gli allevatori di bestiame delle Alpi settentrionali, vivendo in fattorie isolate, lasciavano ogni loro cosa ad un solo erede. Attualmente l'agricoltura è salvaguardata in quasi tutti i territori delle regioni alpine e la maggioranza di questi è sottoposta a sfruttamento agricolo anche se numerose aziende sono state abbandonate. Per evitare in futuro che il territorio venga trascurato sarà necessario studiare alcune strategie e metterle in atto. A questo scopo si potrebbero istituire nelle zone rurali più valide dei "paesaggi nazionali" in modo tale da renderli un potenziale mezzo sia di sviluppo che di tutela. Gli agricoltori di montagna, interessati a salvaguardare i territori con più valore sia biologico che ecologico, dovrebbero ricevere un compenso ed i contributi distribuiti tenendo conto delle diverse categorie presenti sul territorio e delle esigenze dello stesso.

Autore : Redazione

Questa pagina: Stampa Invia Favoriti | Condividi: Altro
Webcam
Vedi tutte
Satellite
Immagini e foto dal satellite

Immagini dal satellite

Guarda le ultime immagini inviate dal satellite Meteosat 8, da 36.000 km di altezza.

Visualizza
Editoriali
Leggi tutti
Newsletter

Iscriviti subito!

Scrivi la tua email

Ogni giorno riceverai le nostre previsioni meteorologiche direttamente nella tua casella e-mail!

Info Viabilità
Leggi tutti
Dal FORUM
Vai al forum