Scrivi una località, una regione o una nazione per ottenerne le previsioni del tempo
Località Data aggiornamento Quantità neve Impianti
MeteoLive NEWSLeggi tutte le news ›

L'ora del maltempo: che acqua martedì sull'Italia!

Una perturbazione in arrivo dalla Spagna e un vortice in discesa dalle latitudini polari si daranno appuntamento proprio sull'Italia dove si prevede una giornata davvero difficile.

In primo piano - 15 Novembre 2013, ore 10.59

 Novembre fradicio: l'autunno in corso, pur non avendo di certo eccelso dal punto di vista climatico, date le temperature quasi sempre al di sopra della norma, si sta invece riscattando dl punto di vista delle piogge. D'altra parte è noto a tutti: piove sempre sul bagnato e allora ecco la perturbazione che conferma la regola.

Arriverà sull'Italia tra lunedì 18 e martedì 19 e potrà contare sul contributo non indifferente da parte di una saccatura polare che, tra l'altro, ne inasprirà le caratteristiche. I contrasti tra l'aria polare marittima che incalzerà dal nord dell'Atlantico e quella subtropicale continentale che la precederà dal nord Africa costruirà una spirale nuvolosa particolarmente velenosa e, per di più, centrata proprio sull'Italia.

Al momento preme segnalare il duplice effetto pluviometrico dovuto alla perturbazione stessa e all'effetto di sbarramento orografico operato dalle nostre montagne sui venti umidi meridionali, e dunque il rischio di fenomeni particolarmente abbondanti su Piemonte, Valle d'Aosta, Liguria, Toscana, Lazio, Campania, Puglia e Calabria 

 Per di più, durante la fase di picco del maltempo, prevista per l'intera giornata di martedì 19, i tiepidi venti di Scirocco manterranno le quote neve a livelli relativamente elevati, oltre i 1800-2000 metri sulle Alpi e oltre i 2200 metri in Appennino, dunque non potremo contare sul contenimento degli apporti d'acqua a fiumi e torrenti da parte del manto nevoso.

Solo verso sera l'aria fredda inizierà a filtrare dalle quote superiori e a far calare velocemente il limite dei fiocchi fin verso i 1000-1200 metri lungo le Alpi e intorno a 1800-2000 metri sull'Appennino centrale.

Insomma si prospetta l'ennesima situazione delicata per il nostro territorio, che si spera possa reggere al meglio ai reiterati parossismi dell'autunno.


Autore : Luca Angelini

Questa pagina: Stampa Invia Favoriti | Condividi: Altro
Webcam
Vedi tutte
Satellite
Immagini e foto dal satellite

Immagini dal satellite

Guarda le ultime immagini inviate dal satellite Meteosat 8, da 36.000 km di altezza.

Visualizza
Editoriali
Leggi tutti
Newsletter

Iscriviti subito!

Scrivi la tua email

Ogni giorno riceverai le nostre previsioni meteorologiche direttamente nella tua casella e-mail!

Info Viabilità
Leggi tutti
Dal FORUM
Vai al forum