Scrivi una località, una regione o una nazione per ottenerne le previsioni del tempo
Località Data aggiornamento Quantità neve Impianti
MeteoLive NEWSLeggi tutte le news ›

L'Italia non è attrezzata per il freddo? Ridicolo, leggete cosa accadeva nel 1400!

I rigidissimi inverni del 1400 sul Continente e sul nostro Paese; forse qualcuno dimentica il nostro passato climatico...

In primo piano - 29 Ottobre 2015, ore 09.54

Si sente dire: "il freddo vada negli States, qui non siamo attrezzati per riceverlo", come se a Washington, New York e Boston venissero adottati chissà quali accorgimenti per trascorrere l'inverno senza difficoltà.

Alle ondate di freddo bisogna adattarsi, così come lo si è fatto e lo si farà anche nei prossimi anni per quelle di caldo. Sarà sempre più raro? Forse, ma non per questo non tornerà a colpire ad intervalli il nostro Paese.

Forse qualcuno dimentica cosa ha patito il Continente in termini di freddo: riesumiamo allora la storia climatica del 1400.
Naturalmente non c'erano i termometri e la nutrita schiera di stazioni meteorologiche pronte a registrare ogni dato di quelle stagioni tanto fredde, ma a parlare sono naturalmente gli scritti e i dipinti.

Uno degli inverni più crudi di cui si ha testimonianza nel 1400 è quello del 1407-1408, in cui i ghiacci polari pare si siano spinti sin nel nord della Scozia e il Tamigi a Londra gelò per ben 14 settimane consecutive.

Persino in Valpadana il freddo si manifestò in modo eccezionalmente intenso, arrivando a registrare temperature probabilmente prossime ai -30°C, con tanti morti per assideramento anche nelle case, naturalmente gelate all'inverosimile. 

La circolazione atmosferica dominante in quegli inverni probabilmente era caratterizzata dalla presenza dell'anticiclone russo-siberiano, che spingeva da est verso ovest un freddo pellicolare davvero estremo, favorendo la formazione di depressioni in ambito mediterraneo, che davano luogo a nevicate estese anche sulle zone costiere.  

Un altro inverno particolarmente rigido fu quello del 1431-1432con il Polo gelato per oltre 2 mesi e la Laguna di Venezia utilizzata per trasportare carri via mare (gelato) da Mestre a Venezia. Notevole e preziosa la documentazione che riguarda il nord Italia relativa anche all'inverno del 1448-49, che parla di nevicate copiose e di altezza della neve anche prossima ai 2 metri.  

La serie degli inverni freddi proseguì anche negli anni successivi, specie dal 1455 in avanti, quando ogni anno gelavano per gran parte del gennaio e del febbraio tutti i fiumi del settentrione.  Da notare in Francia l'invernata terribile del 1468-69, con il vino che ghiacciò nelle botti. Altro inverno terribile fu quello del 1481-82 in Valpadana, raccontato come nevoso all'inverosimile, soprattutto nel mese di febbraio. 

Nemmeno 10 anni dopo ecco rigelare la Laguna Veneta stabilmente, così come Arno e Po. Grande nevicata a Venezia con ben 12 giorni di fiocchi pressoché senza sosta. Addirittura il primo giugno 1491 nevicò abbondantemente a Bologna con oltre 30cm stimati di accumulo e nella stagione successiva nel 1492-93 Firenze rimase paralizzata per settimane dalla neve. Infine nell'inverno del 1493-94 gelò il porto di Genova.
 
 


Autore : Alessio Grosso

Questa pagina: Stampa Invia Favoriti | Condividi: Altro
Webcam
Vedi tutte
Satellite
Immagini e foto dal satellite

Immagini dal satellite

Guarda le ultime immagini inviate dal satellite Meteosat 8, da 36.000 km di altezza.

Visualizza
Editoriali
Leggi tutti
Newsletter

Iscriviti subito!

Scrivi la tua email

Ogni giorno riceverai le nostre previsioni meteorologiche direttamente nella tua casella e-mail!

Info Viabilità

h 18.30: A56 Tangenziale Di Napoli

coda

Code causa viabilità esterna non riceve a Arenella in uscita in entrambe le direzioni dalle 17:4..…

h 18.28: A24 Roma-Teramo

snowshowers

Nevischio nel tratto compreso tra L'aquila Est (Km. 106,8) e Colledara-San Gabriele (Km. 136,3) i..…

Leggi tutti
Dal FORUM
Vai al forum