Scrivi una località, una regione o una nazione per ottenerne le previsioni del tempo
Località Data aggiornamento Quantità neve Impianti
MeteoLive NEWSLeggi tutte le news ›

L'inverno che verrà: sarà davvero 3 volte Natale?

Scenari spesso freddi e talvolta anche nevosi per l'inverno che sta arrivando?

In primo piano - 2 Novembre 2012, ore 12.38

Un inverno nevoso non è necessariamente un inverno freddo, nè un inverno freddo corrisponde sempre ad una stagione con i fiocchi, anzi: proprio quando fa tanto freddo, spesso le nevicate si concentrano solo su pochi settori del Paese, in particolare sulle regioni adriatiche, lasciando a secco le altre.

Le eccezioni non sono comunque mancate e talvolta si realizza una sorta di "terza via", cioè almeno una volta durante la stagione, ad un'ondata di gelo seguono poi abbondanti nevicate di addolcimento, sempre che non intervenga l'anticiclone a negare questa gioia agli sciatori e agli amante della neve in genere.

Quest'anno invece, come andranno le cose? Proviamo a prendere in esame diverse variabili: ho già più volte riferito su MeteoLive come la QBO attraversi una fase negativa con venti stratosferici diretti da est verso ovest, che assumono oltretutto una maggiore velocità, rispetto alla fase in cui spirano da ovest verso est. Non si tratta però solo di un movimento antizonale fine a se stesso, ma anche di un disturbo arrecato al compattamento del vortice polare stratosferico; da notare oltretutto che alla quota isobarica dei 30hPa si sono raggiunti livelli che non si riscontravano più dalla fine degli anni 40 del secolo scorso.


C'è poi l'attività del sole, che sta attraversando il debole ciclo 24, contraddisto in gran parte da scarsa attività solare e dunque da una bassa concentrazione di macchie e infatti, anche in questo periodo che dovrebbe risultare il periodo di picco di attività relativa a questo ciclo, l'attività risulta paragonabile ai minimi di attività dei cicli più recenti. 

Interessante notare la negatività ormai cronica (4 anni) della PDO, con aumento della pressione in zona artica e conseguente fase di Nao negativa sul settore atlantico, mentre trascurerei al momento l'indice AMO, che comunque volgerà inevitabilmente verso la negatività, ma non in tempi brevissimi.  


Con l'indice NAO ancora negativo e la persistenza di una fase negativa della QBO, sia pure con valori in leggero rialzo, i disturbi al compattamento del vortice polare saranno importanti e potrebbero portarci a vivere frequenti scambi meridiani di calore e dunque anche irruzioni fredde nel cuore del Mediterraneo.
 
La combinazione tra un debole Nino, specie nel segmento 3.4,  la fase della QBO negativa e un sole dormiente, dovrebbero favorire un inverno piuttosto "movimentato" sull'Italia, ma è impossibile dire di più.

Da notare che questa congiuntura favorisce anche un maggiore trasporto di ozono sul Polo, collaborando al possibile smembramento o splittamento (chiamatelo come volete) del vortice polare in sede stratosferica. In questo modo, semplificando, potrebbero verificarsi anche significativi blocchi della circolazione zonale (blocking).

Buon inverno a tutti!


Autore : Alessio Grosso

Questa pagina: Stampa Invia Favoriti | Condividi: Altro
Webcam
Vedi tutte
Satellite
Immagini e foto dal satellite

Immagini dal satellite

Guarda le ultime immagini inviate dal satellite Meteosat 8, da 36.000 km di altezza.

Visualizza
Editoriali
Leggi tutti
Newsletter

Iscriviti subito!

Scrivi la tua email

Ogni giorno riceverai le nostre previsioni meteorologiche direttamente nella tua casella e-mail!

Info Viabilità
Leggi tutti
Dal FORUM
Vai al forum