Scrivi una località, una regione o una nazione per ottenerne le previsioni del tempo
Località Data aggiornamento Quantità neve Impianti
MeteoLive NEWSLeggi tutte le news ›

L'intensa ONDATA di FREDDO del dicembre 1996

Il periodo tra Natale e Capodanno del 1996 è ricordato con particolare emozione da molti italiani amanti della neve e del freddo. Ripercorriamone sinteticamente gli eventi che lo hanno caratterizzato.

In primo piano - 30 Novembre 2015, ore 09.33

La prima parte del mese di dicembre trascorre con temperature miti provocate da un costante flusso occidentale che trasporta però anche aria umida, generatrice di precipitazioni al nord e sulle regioni tirreniche. Davvero poche le gelate, è appena il caso di aggiungere che siamo nettamente al di sopra della media stagionale.

Sul nord Europa si prepara però un'intensa avvezione di aria artica, messa in moto dall'azione congiunta di un minimo sul nord della Russia e da un anticiclone sul settore nord-occidentale dell'Atlantico. Il 23 dicembre il gradiente termico orizzontale al suolo tra il nord ed il sud Europa è fortissimo: valori anche superiori ai 20°C al sud stridono con i 5 gradi sottozero che si registrano mediamente in Austria e i 10-11°C della Valpadana.

La presenza e il rafforzamento di un anticiclone termico sulla Russia fa precipitare la situazione: una forte avvezione di aria gelida da est, il classico vento di Burano, si spinge in direzione dell'Europa centrale e della nostra Penisola. Lo scarto barico ne esalta l'intensità e la spinta. Il giorno di Natale chi abita in Pianura Padana vive una giornata uggiosa caratterizzata da strati bassi o nebbia alta.

In serata sperimenta l'ingresso di un forte e secco vento freddo da est che arreca dapprima qualche pioviggine a causa del rimescolamento dell'aria e una modesta convezione, poi un generale rasserenamento che porta i valori minimi finalmente sotto lo zero. Solo un po' di stau insiste a ridosso delle Prealpi, favorendo debolissime cadute di neve.

Ad alta quota il flusso diventa settentrionale e risulta molto secco. Un minimo pressorio insiste ancora sulle regioni centro-meridionali finendo per essere riassorbito dalla saccatura presente sulla Russia. Il giorno 26 il minimo è sullo Jonio e si accentua nel frattempo la colata fredda a tutte le quote da NNE, ormai chiaramente testimoniata dalla presenza di un anticiclone termico al suolo di ben 1040 hPa sull'Europa centrale.

Se al nord il cielo è sereno tranne sul Piemonte occidentale dove le correnti da est provocano un moderato effetto stau, sulle centrali adriatiche e al sud si attivano le prime nevicate sino a quote prossime ai litorali. Gran freddo sull'Appennino settentrionale intanto con ben -20°C al Monte Cimone. La Bora sferza Trieste, in Friuli pochi si avventurano fuori casa, il vento è più forte nella bassa e fa battere i denti. Il 27 ed il 28 l'avvezione fredda continua e la neve cade su tutte le regioni adriatiche sino alle coste pugliesi.

Qualche fiocco di neve da stau cade anche sul Piemonte occidentale e sull'Emilia-Romagna, neve a Bologna.

Il 28 dicembre si verifica l'evento che segnerà l'inizio della svolta "nevosa" generalizzata: un vortice freddo in quota con valori termici prossimi ai -30°C alla superficie isobarica di 500 hPa, cioè 5500 m, si posiziona sull'Italia, un centro di basso geopotenziale è presente sulla Spagna e il richiamo di correnti meridionali che lo precede investe le regioni centrali tirreniche: la sera e la notte del 28 dicembre la festa della neve sbarca su Toscana e alto Lazio, si imbianca l'Aurelia, Orte è innevata, nevica ovunque in Umbria.

Il tiepido respiro mediterraneo però comincia a farsi sentire, la Sardegna si scalda, la temperatura risale sul basso Lazio. L'aria fredda intanto si è spinta sempre più ad ovest, dando origine a nuovi sistemi nuvolosi che gradualmente tendono a dirigersi verso il Mediterraneo. 

Il 30 dicembre 1996 una nuova perturbazione avanza nel letto di veloci correnti occidentali e poi sud-occidentali che si instaurano alle basse latitudini mediterranee. Ne deriva un rapido peggioramento su tutto il settore nord-occidentale italiano: la neve fa la sua comparsa a Milano, Como, Varese, Pavia e su tutto l'est del Piemonte. Imbiancata anche la Liguria con neve soffiata dalla Tramontana nel Golfo di Genova. La neve giunge anche sul nord-est ma in molti casi è già mista a pioggia.

Il 31 dicembre nuove perturbazioni, sospinte sempre dalla medesima corrente temperata occidentale, giungono sull'Italia, costringendo il freddo a rinculare rapidamente verso E. Alcune sacche gelide resistenti consentono però copiose nevicate su alcune zone del nord Italia.

Al centro-sud non c'è ormai più traccia dell'avvezione fredda, mentre la serata di San Silvestro regala a Milano, Torino, Genova, Bergamo, e a molte altre città del nord-ovest un indimenticabile momento nevoso. A Genova si abbatte una vera e propria tormenta di neve.

Sul nord-est invece la pioggia sostituisce la neve, tranne in Trentino-Alto Adige. A Bolzano ne cadono 30 cm. Nella mattinata di Capodanno il sole torna a far capolino sull'Italia. Nella notte successiva la temperatura crolla rapidamente sotto lo zero nelle zone innevate ma subito aumenta la nuvolosità: un' altra perturbazione sta per timbrare il cartellino. L'Atlantico vuole proprio cancellare del tutto la traccia della recente ondata di freddo. Il 2 gennaio del 1997 l'avvezione di aria mite sud-occidentale porta la temperatura di Palermo a raggiungere i 23°C. La perturbazione investe però soprattutto le regioni centro-settentrionali.

La neve raggiunge ancora per qualche ora le zone di pianura in Lombardia ma dalla serata la pioggia sostituisce gradualmente la neve a Milano. Solo sul Piemonte si vede ancora fioccare quasi ovunque, poi il limite si alzerà a 500-600 m.

Si conclude così l'ultima vera incursione del Burano sulla nostra Penisola degli anni 90.

 


Autore : Alessio Grosso

Questa pagina: Stampa Invia Favoriti | Condividi: Altro
Webcam
Vedi tutte
Satellite
Immagini e foto dal satellite

Immagini dal satellite

Guarda le ultime immagini inviate dal satellite Meteosat 8, da 36.000 km di altezza.

Visualizza
Editoriali
Leggi tutti
Newsletter

Iscriviti subito!

Scrivi la tua email

Ogni giorno riceverai le nostre previsioni meteorologiche direttamente nella tua casella e-mail!

Info Viabilità

h 09.12: Roma Via Aurelia

rallentamento

Traffico rallentato causa traffico intenso nel tratto compreso tra Via Romano Guerra e Via di Villa..…

h 09.10: Roma Via Appia Nuova

rallentamento

Traffico rallentato causa traffico intenso nel tratto compreso tra Via Giovanni Ciampini e Via dell..…

Leggi tutti
Dal FORUM
Vai al forum