Scrivi una località, una regione o una nazione per ottenerne le previsioni del tempo
Località Data aggiornamento Quantità neve Impianti
MeteoLive NEWSLeggi tutte le news ›

L'indice AMO parla chiaro, l'Atlantico prosegue il raffreddamento

Pur con i suoi alti e bassi, uno degli indici di più recente ricostruzione l'AMO, oscillazione multidecenale delle temperature atlantiche, pare orientato ad un complessivo trend di discesa con notevole anticipo rispetto alla normale cadenza del ciclo trentennale.

In primo piano - 13 Agosto 2009, ore 09.49

Dopo la PDO (oscillazione multidecennale delle temperature del Pacifico boreale) in discesa libera e la fase di Nina che ha raffreddato per gli ultimi due anni le acque del Pacifico equatoriale occidentale (su quel settore è subentrato adesso un certo riscaldamento), ora anche gli indici atlantici mostrano una propensione al ribasso. L'AMO (Oscillazione Atlantica multidecennale) identifica un ciclo multidecenale delle temperature superficiali dell'oceano Atlantico che dura tra i 20 e i 40 anni. L'andamento temporale di questo ciclo in verità non è ancora stato studiato a fondo, la sua recente scoperta non permette infatti una valutazione precisa e inequivocabile di questa oscillazione. Il ciclo, iniziato alla fine del 1994, ha raggiunto il suo apice nel 1998 e ora si trova in fase calante... fin troppo calante, visto che la fase negativa, secondo lo schema conosciuto finora, non dovrebbe iniziare prima del 2014. In sostanza l'AMO rappresenta l'andamento delle temperature superficiali dell'oceano Atlantico le quali vengono influenzate dall'andamento della Corrente del Golfo. Il motore dell'AMO risiede nell'Atlantico tropicale dove le acque si scaldano notevolmente a causa della intensa radiazione solare. Il calore viene poi trasportato dalla Corrente del Golfo verso nord e raggiunge così Islanda e Groenlandia (fase positiva). Questa situazione favorisce l'approfondimento della fascia depressionaria canadese determinando come risposta un indice NAO (pressione ai due capi dell'Atlantico) fortemente positivo. Le perturbazioni scorrono in questo caso alle alte latitudini e il bacino del Mediterraneo viene spesso invaso dall'anticiclone subtropicale (anni recenti). Nel frattempo le acque tropicali molto calde e cariche di energia provocano su quelle zone forti temporali con intense piogge. Queste tendono a raffreddare le acque sottraendone anche la concentrazione salina. La Corrente del Golfo si indebolisce e l'Atlantico settentrionale si raffredda (fase negativa). Le perturbazioni atlantiche riescono ad entrare decise sul Mediterraneo apportando periodi piovosi con estati fresche (anni '70).

Autore : Luca Angelini

Questa pagina: Stampa Invia Favoriti | Condividi: Altro
Webcam
Vedi tutte
Satellite
Immagini e foto dal satellite

Immagini dal satellite

Guarda le ultime immagini inviate dal satellite Meteosat 8, da 36.000 km di altezza.

Visualizza
Editoriali
Leggi tutti
Newsletter

Iscriviti subito!

Scrivi la tua email

Ogni giorno riceverai le nostre previsioni meteorologiche direttamente nella tua casella e-mail!

Info Viabilità
Leggi tutti
Dal FORUM
Vai al forum