Scrivi una località, una regione o una nazione per ottenerne le previsioni del tempo
Località Data aggiornamento Quantità neve Impianti
MeteoLive NEWSLeggi tutte le news ›

L'esperto risponde: come si sta comportando l'autunno e come sarà l'inverno?

La segretaria di redazione, Maria Luisa d'Asti, intervista il nostro previsore Alessio Grosso.

In primo piano - 19 Ottobre 2002, ore 10.44

Redazione: Grosso, è normale la situazione autunnale che stiamo vivendo? Grosso: assolutamente si, le depressioni tendono gradualmente a scendere di flusso interessando anche l'area mediterranea. I fronti riescono a penetrare agevolmente sino al 44° parallelo, mentre trovano una certa difficoltà ad interessare il nostro meridione ma dovrebbe essere solo questione di tempo. Redazione: un Libeccio così forte è altrettanto normale? Grosso: i fronti atlantici sono spesso preceduti da correnti di Libeccio, se si tratta di una depressione osserviamo anche lo Scirocco. Talvolta se la perturbazione si muove con lentezza, giacchè ostacolata da zone anticicloniche bloccanti, il vento può allora toccare punte notevoli e provocare mareggiate sulle coste esposte. Redazione: anche nei prossimi giorni saremo soggetti a questo tipo di circolazione? Grosso: si, è attesa una lunga fase di tempo instabile, a tratti perturbata con precipitazioni che si accaniranno al centro-nord, pur risultando distribuite in modo un po' irregolare. Il Libeccio infatti lascia delle zone sopravento, che ricevono ciòè aria umida e piogge, ed altre sottovento, cioè soggette a una ricaduta favonica dell'aria che abbassa il tasso di umidità e imibisce i fenomeni. Un caso classico di Foehn appenninico in questi casi è quello dell'Emilia-Romagna, di Marche ed Abruzzo. Redazione: dunque con le correnti da SW il tempo dovrebbe mantenersi mite? Grosso: si, perlomeno nei primi giorni della prossima settimana e sulle regioni meridionali; al nord e al centro le piogge daranno invece l'impressione di essere entrati in un autunno avanzato e tra mercoledì e giovedì l'aria fredda busserà sull'arco alpino e in genere sul nord Italia, provocando qualche nevicata oltre i 1500-1600 m e un certo calo della temperatura. Redazione: cosa dire del gran freddo scandinavo? Grosso: beh, con un vortice freddo posizionato su quelle regioni e con il richiamo di aria polare dal Mar di Groenlandia e dall'isola degli Orsi bianchi, altro che freddo, stamane nevicava anche alle Shetland! Interessante notare come sul versante orientale del vortice, laddove cioè è in atto un richiamo di correnti miti meridionali, i valori si siano riportati su valori autunnali, Mosca è passata da -5 a 11°C in poche ore! L'autunno è così... Redazione: si parla tanto di Nao, blocking, stratwarming, che inverno ci attende? Grosso: ogni anno in autunno gli appassionati si sbizzarriscono con le ipotesi più fantasiose sulle sorti dell'inverno ed è naturale che il tutto venga legato ai nuovi concetti che la scienza ha messo loro a disposizione; la Nao è un'oscillazione dei valori pressori tra il nord e il sud dell'Atlantico, la formazione di un vasto anticiclone disposto lungo i paralleli sul nord Europa devia naturalmente il flusso zonale a latitudini più meridionali e questo comporta fasi spesso perturbate sulle nostre regioni, ma la cosa non è automatica e soprattutto una Nao negativa non implica necessariamente freddo per l'Italia. Un blocking è una situazione analoga ma con un anticiclone generalmente non più disposto lungo i paralleli ma nel senso dei meridiani, che rallenta il transito delle perturbazioni o addirittura ne impedisce il passaggio. Quando l'anticiclone di blocco si forma sulla Scandinavia, il fenomeno è spesso collegato ad uno "Stratwarming", cioè ad un anomalo riscaldamento della stratosfera alle latitudini polari che accumula invece al suolo aria molto fredda che sarebbe deputata a scivolare verso latitudini più basse, provocando ondate di gelo. La verità è che in inverno si possono manifestare tutti questi eventi senza che necessariamente ne derivi un periodo nevoso e "glaciale" per la nostra Penisola. Per assistere a nevicate o gelate importanti sulle nostre regioni devono dunque realizzarsi molte condizioni che non è possibile stabilire con mesi d'anticipo.

Autore : Alessio Grosso

Questa pagina: Stampa Invia Favoriti | Condividi: Altro
Webcam
Vedi tutte
Satellite
Immagini e foto dal satellite

Immagini dal satellite

Guarda le ultime immagini inviate dal satellite Meteosat 8, da 36.000 km di altezza.

Visualizza
Editoriali
Leggi tutti
Newsletter

Iscriviti subito!

Scrivi la tua email

Ogni giorno riceverai le nostre previsioni meteorologiche direttamente nella tua casella e-mail!

Info Viabilità
Leggi tutti
Dal FORUM
Vai al forum