Scrivi una località, una regione o una nazione per ottenerne le previsioni del tempo
Località Data aggiornamento Quantità neve Impianti
MeteoLive NEWSLeggi tutte le news ›

L’aria instabile riuscirà ad aggirare l’alta pressione. Come e quando?

A partire dal prossimo fine settimana qualcosa potrebbe cambiare sui cieli del nord Italia e in parte anche del centro. Non si tratterà di un peggioramento organizzato, ma di un aumento dell’attività temporalesca.

In primo piano - 12 Giugno 2003, ore 11.09

L’alta pressione di matrice africana che incombe da giorni sul nostro Paese continua a governare il tempo, con temperature molto al di sopra delle medie del periodo e cielo in prevalenza sereno. Ad aggravare la situazione si è aggiunta anche l’umidità dell’aria, che aumenta sempre quando gli anticicloni tendono ad invecchiare. La situazione rimarrà immutata sia per la giornata odierna, che per quella di domani, anche se qualche locale temporale potrebbe manifestarsi in prossimità dell’arco alpino, segnatamente quello centro-orientale. A partire dalla giornata di sabato, il dominio anticiclonico presente adesso sul Mediterraneo comincerà a vacillare. Sia ben chiaro, non verrà smantellato del tutto, ma il lieve calo dei geopotenziali in quota, congiunti ad una lieve diminuzione della pressione al suolo, si ripercuoteranno sulla stabilità atmosferica, che in qualche caso potrebbe venire anche a mancare. Come mai la pressione sul Mediterraneo subirà una certo ridimensionamento? Il motivo va ricercato in Oceano Atlantico e più precisamente ad ovest delle Isole Britanniche. Qui tenderà ad approfondirsi una zona di bassa pressione che come “gioco di sponda” avrà il merito di richiamare aria calda dalle basse latitudini dell’Oceano, in direzione delle Isole Britanniche stesse. Questo richiamo di aria calda porrà le basi per una rimonta dell’alta pressione delle Azzorre che tenderà ad invadere prima la Francia e poi l’Europa centrale e parte di quella settentrionale. Si formerà, di conseguenza, una cellula di alta pressione autonoma, che tuttavia manterrà un certo contatto con l’anticiclone delle Azzorre, presente in pieno oceano. Sul lato sud-orientale di questa zona di alta pressione scorreranno correnti leggermente più fresche ed instabili che in un primo tempo si dirigeranno in direzione della catena alpina. Già nella giornata di sabato avremo lo sviluppo di qualche temporale sulle Alpi, che in serata potrebbe anche estendersi alle zone pianeggianti prossime ai rilievi del Veneto e dell’est della Lombardia. Altrove i cambiamenti saranno scarsi. Le temperature tenderanno a diminuire di qualche grado al nord, anche se non si potrà sicuramente parlare di rinfrescata. Altrove i valori rimarranno praticamente invariati. Anche la giornata di domenica dovrebbe seguire lo stesso copione, con qualche temporale soprattutto sui rilievi alpini, in parziale sconfinamento verso le zone di pianura sottostanti. I fenomeni sembrerebbero più probabili, questa volta, sul Piemonte e sull’ovest della Lombardia. Qualche temporale non sarà escluso nemmeno nelle zone interne del centro, mentre al sud non interverranno cambiamenti. Le temperature caleranno di qualche grado anche al centro, con valori più sopportabili. In seguito la situazione diventa molto ingarbugliata e di difficile risoluzione. Tuttavia l’aria instabile, tra le giornate di martedì 17 e mercoledì 18 giugno, potrebbe penetrare ancor più verso sud, fino ad invadere buona parte del centro-nord, stante l’arrivo di nuovi apporti di correnti più fresche dall’Europa nord-orientale. In questo caso i fenomeni temporaleschi potrebbero risultare maggiormente diffusi e più organizzati. Per quest’ultimo punto, comunque, abbiamo bisogno di ulteriori conferme.

Autore : Paolo Bonino

Questa pagina: Stampa Invia Favoriti | Condividi: Altro
Webcam
Vedi tutte
Satellite
Immagini e foto dal satellite

Immagini dal satellite

Guarda le ultime immagini inviate dal satellite Meteosat 8, da 36.000 km di altezza.

Visualizza
Editoriali
Leggi tutti
Newsletter

Iscriviti subito!

Scrivi la tua email

Ogni giorno riceverai le nostre previsioni meteorologiche direttamente nella tua casella e-mail!

Info Viabilità

h 21.14: SS647 Fondo Valle Del Biferno

blocco

Tratto chiuso causa misure di sicurezza nel tratto compreso tra Incrocio Sp73 (carr. Destra) (Km. 4..…

h 21.13: SS131d-CN Dir/Centr. Nuorese

problema sdrucciolevole

Riduzione di carreggiata causa fondo stradale dissestato nel tratto compreso tra Incrocio Lula - Sp..…

Leggi tutti
Dal FORUM
Vai al forum