Scrivi una località, una regione o una nazione per ottenerne le previsioni del tempo
Località Data aggiornamento Quantità neve Impianti
MeteoLive NEWSLeggi tutte le news ›

L'anticiclone metterà radici dalla prima decade di giugno?

Nei prossimi giorni un campo di pressioni alte e livellate tenderà a farsi strada sul bacino del Mediterraneo, determinando una progressiva attenuazione dell'instabilità. L'alta pressione potrebbe consolidarsi con l'arrivo della prima decade di giugno. Vediamo nel dettaglio.

In primo piano - 28 Maggio 2015, ore 17.30

Chiusa definitivamente la lunga fase di instabilità che ci ha accompagnati nell'ultima decade di maggio, un modesto anticiclone tenderà ora a distendersi sul bacino del Mediterraneo, determinando un progressivo miglioramento delle condizioni atmosferiche su tutto il Paese. La fase anticiclonica che ci apprestiamo a vivere, entrerà in scena sul bacino del Mediterraneo con molta gradualità, apportando diverse giornate di tempo soleggiato lungo le coste, mentre gli eventuali episodi di instabilità persisterebbero soltanto nelle zone interne.

Attenzione all'instabilità più organizzata che potrebbe far capolino sulle regioni settentrionali tra mercoledì 3 e giovedì 4 giugno, con particolare riferimento alle aree alpine e prealpine del nord-est.

Spingendoci sulle lunghe distanze previsionali, il modello americano conferma il mantenimento dell'anticiclone sul Mediterraneo, il quale potrebbe influenzare gran parte della prima decade di giugno, La persistenza di tale situazione sul bacino del Mediterraneo, porterebbe ad un inevitabile, graduale aumento delle temperature sia al suolo che alle quote superiori. Questo aumento termico viene messo in risalto dalla risalita dei geopotenziali alla quota di 500hpa (circa 5500 metri). Come diretta conseguenza, aumenterebbero i processi di compressione adiabatica all'interno dell'anticiclone, l'aria tenderebbe a surriscaldarsi nei bassi strati atmosferici.

Insomma l'arrivo di giugno potrebbe portare i primi caldi stagionali che si farebbero sentire soprattutto nelle zone interne e lontane dal mare. Tuttavia l'origine dell'anticiclone seguiterebbe ad essere di tipo oceanico, non ci aspettiamo quindi risalite folli della colonnina di mercurio ma soltanto un allineamento delle temperature sui valori tipici dell'estate.

Seguite gli aggiornamenti.


Autore : William Demasi

Questa pagina: Stampa Invia Favoriti | Condividi: Altro
Webcam
Vedi tutte
Satellite
Immagini e foto dal satellite

Immagini dal satellite

Guarda le ultime immagini inviate dal satellite Meteosat 8, da 36.000 km di altezza.

Visualizza
Editoriali
Leggi tutti
Newsletter

Iscriviti subito!

Scrivi la tua email

Ogni giorno riceverai le nostre previsioni meteorologiche direttamente nella tua casella e-mail!

Info Viabilità
Leggi tutti
Dal FORUM
Vai al forum