Scrivi una località, una regione o una nazione per ottenerne le previsioni del tempo
Località Data aggiornamento Quantità neve Impianti
MeteoLive NEWSLeggi tutte le news ›

L’anticiclone delle Azzorre andrà verso il Grande Nord?

Il protagonista della classica estate mediterranea ci abbandonerà? Quali saranno le conseguenze sull’Italia?

In primo piano - 23 Giugno 2003, ore 12.48

Vi ricordate quando qualche giorno fa vi annunciammo l’imminente formazione dell’anticiclone scandinavo? Bene, ormai siamo arrivati in vista dell’appuntamento con la grande ma anomala figura barica europea, capace di provocare repentini cambiamenti di circolazione su gran parte del Continente. Ma cos’è che darà il “la” alla sua formazione? Una marcata ondulazione della corrente a getto polare in quota fra l’Irlanda e l’Atlantico settentrionale, che fra martedì e mercoledì “risucchierà” in qualche modo il corpo centrale dell’anticiclone delle Azzorre verso nord, fino a farlo congiungere con un blando centro di alta pressione sul Mare di Norvegia. Quest’ultimo approfitterà della configurazione favorevole per rinforzarsi rapidamente ed espandersi fino ad inglobare Norvegia, Lapponia e Svezia settentrionale nel corso della giornata di giovedì. Ma anche la depressione d’Islanda prenderà parte (nel prossimo fine settimana) alle grandi manovre in atto sullo scacchiere europeo, sfondando sul Regno Unito il cordone ombelicale che collegava l’anticiclone delle Azzorre e quello scandinavo, e dirigendo una perturbazione piuttosto intensa verso l’Europa centrale. La figura di alta pressione atlantica allora sarà costretta a distendersi nuovamente sull’Atlantico centrale ad attendere che le perturbazioni sfornate dal grande ciclone islandese tendano ad indebolirsi nuovamente; non si sa quando questo avverrà, ma una cosa è certa: se non si ristabiliranno subito i normali ruoli delle figure bariche sulla scena europea, c’è il rischio di vivere uno scampolo di estate particolarmente instabile. L’anticiclone africano infatti sembra che non abbia più la forza di contrastare le perturbazioni; d’altra parte le correnti d’alta quota subtropicali non gli daranno una mano, visto che tenderanno ad indebolirsi ulteriormente.

Autore : Lorenzo Catania

Questa pagina: Stampa Invia Favoriti | Condividi: Altro
Webcam
Vedi tutte
Satellite
Immagini e foto dal satellite

Immagini dal satellite

Guarda le ultime immagini inviate dal satellite Meteosat 8, da 36.000 km di altezza.

Visualizza
Editoriali
Leggi tutti
Newsletter

Iscriviti subito!

Scrivi la tua email

Ogni giorno riceverai le nostre previsioni meteorologiche direttamente nella tua casella e-mail!

Info Viabilità

h 05.13: A14 Bologna-Ancona

rallentamento

Veicoli lenti nel tratto compreso tra Allacciamento A13 Bologna-Padova (Km. 14,4) e Allacciamento R..…

h 05.10: A4 Milano-Brescia

incidente

Incidente nel tratto compreso tra Trezzo (Km. 160,6) e Cavenago (Km. 152,1) in direzione Milano..…

Leggi tutti
Dal FORUM
Vai al forum