Scrivi una località, una regione o una nazione per ottenerne le previsioni del tempo
Località Data aggiornamento Quantità neve Impianti
MeteoLive NEWSLeggi tutte le news ›

L'alta pressione vuole mettere il bastone tra le ruote dell'inverno ma il "generale" non molla

Rimarrà infatti scoperto il bordo orientale dell'anticiclone lungo il quale scorreranno le correnti fredde che incombono dalla Scandinavia. Al momento le Alpi sembrano frapporsi alle correnti instabili con conseguenze tutte da valutare.

In primo piano - 17 Febbraio 2011, ore 15.32

Tutto dipenderà da quanta invadenza avrà in corpo l'anticiclone. Lo schema tipo disegnato sul comparto euro-atlantico dalla Nina si ripete e va a influenzare non poco i piani dell'inverno. Il grosso del freddo rimarrà concentrato lassù tra Scandinavia, Russia ed est europeo, salvo lambire a più fasi anche il Mediterraneo passando per la via adriatica ma trafilando talora in piccole dosi anche dalla valle francese del Rodano.

Queste sembrano le conseguenze degli ultimissimi risvolti proposti dai nostri modelli. Una situazione comunque ingarbugliata e che non ci infonde molta fiducia dal punto di vista dell'affidabilità sul medio e lungo termine. Quando l'alta pressione si frappone tra due colossi quali il vortice canadese e quello russo, tutto si fa più complicato e ci consiglia di accorciare la gittata della previsione.

Non ci rimane che utilizzare dunque la nostra "Sfera", ossia quella marcia in più che fa di Meteolive il portale sicuramente più lungimirante nel mondo della meteo sul web. E cosa ci dice allora questa sfera?

Primo passo: il vortice giunto in questi giorni sull'Italia si allontanerà verso lo Ionio interessando ancora il nostro meridione nella giornata di venerdì. Al suo seguito pressione in rialzo con ritorno del sole sul resto del Paese.

Secondo passo: ancora Atlantico all'attacco con una nuova perturbazione pronta a speronare l'Italia nella giornata di domenica, apportando nuovo maltempo un po' ovunque.

Terzo passo: dopo una pausa fisiologica attesa per lunedì, ecco una ulteriore perturbazione in arrivo martedì ma con traiettoria di incidenza più settentrionale. Presi i versanti nord-alpini, le Isole Maggiori e forse anche le coste tirreniche a iniziare dalla Toscana.

Quarto passo: l'aria fredda al seguito di quest'ultima perturbazione causerà un rialzo della pressione atmosferica sul Mediterraneo favorendo il ritorno del sole sul versanti occidentali dell'Italia e limitando l'instabilità alle regioni adriatiche. L'afflusso di aria fredda manterrà comunque le temperature un po' sottotono.

Vedete quanta carne al fuoco? Allora meglio andare per gradi. Per intanto riassumiamo la linea previsionale fino a GIOVEDI 24 FEBBRAIO

VENERDI, 18 FEBBRAIO 2011

Instabile al centro e al sud, con rovesci sparsi, più probabili sul medio Adriatico e al meridione, dove la neve cadrà in montagna oltre i 1500-1600 metri. Al nord asciutto con ampi rasserenamenti, ad eccezione dell'Emilia Romagna, dove il cielo rimarrà più chiuso. Ventoso, soprattutto al centro-sud e sulle Isole Maggiori.

SABATO, 19 FEBBRAIO 2011

La giornata migliore della settimana con ampie zone di sereno. Dalle ore centrali del giorno però aumentano le nubi al nord-ovest, Toscana e Sardegna, pur senza rischio di precipitazioni. Ancora ventoso per Maestrale lungo l'Adriatico e al sud. Calano le temperature lungo la cresta delle Alpi.

DOMENICA, 20 FEBBRAIO 2011

Nuova perturbazione sull'Italia con cieli chiusi e possibilità di piogge sparse, soprattutto al nord, al centro, su Sardegna e Campania. Neve in montagna sopra i 1000 metri. Più freddo al centro-nord.

LUNEDI, 21 FEBBRAIO 2011

Ultime precipitazioni al sud, in attenuazione. Per il resto miglioramento ma con rischio nebbia in val Padana di notte e al mattino. Temperature in calo lungo l'Adriatico.

MARTEDI, 22 FEBBRAIO 2011

Nuova perturbazione sull'Italia, con fenomeni più probabili lungo le creste alpine di confine, Liguria, Sardegna, alta Toscana e, in serata, anche sulla Sicilia. Neve in montagna tra 1000 e 1400 metri.

MERCOLEDI, 23 FEBBRAIO 2011

Nevicate sulle creste alpine di confine. Rovesci tra Sicilia e Calabria. Per il resto tempo discretamente soleggiato seppur ventoso. Possibilità di Foehn in val Padana.

GIOVEDI, 24 FEBBRAIO 2011

Ancora qualche nevicata lungo le creste alpine di confine centro-orientali. Bello sul resto del Paese con temperature in aumento lungo i versanti occidentali.


Autore : Luca Angelini

Questa pagina: Stampa Invia Favoriti | Condividi: Altro
Webcam
Vedi tutte
Satellite
Immagini e foto dal satellite

Immagini dal satellite

Guarda le ultime immagini inviate dal satellite Meteosat 8, da 36.000 km di altezza.

Visualizza
Editoriali
Leggi tutti
Newsletter

Iscriviti subito!

Scrivi la tua email

Ogni giorno riceverai le nostre previsioni meteorologiche direttamente nella tua casella e-mail!

Info Viabilità

h 10.07: Roma Viale dei Monfortani

incidente rallentamento

Traffico rallentato causa incidente sulla Viale dei Monfortani in direzione Via di Torrevecchia..…

h 10.05: A1 Milano-Bologna

coda incidente

Code per 5 km causa incidente nel tratto compreso tra Parma (Km. 110,4) e Reggio Emilia (Km. 138,2..…

Leggi tutti
Dal FORUM
Vai al forum