Scrivi una località, una regione o una nazione per ottenerne le previsioni del tempo
Località Data aggiornamento Quantità neve Impianti
MeteoLive NEWSLeggi tutte le news ›

L'alta pressione "mangia" perturbazioni

Una nutrita sequenza di perturbazioni sfila dall'Atlantico verso l'Europa. I corpi nuvolosi impattano però contro l'alta pressione, finiscono per sovrapporsi prima e per dissolversi poi. Analizziamo i motivi di questa affascinante manifestazione della natura.

In primo piano - 1 Ottobre 2010, ore 10.00

Il telefono, la tua voce. Molti di voi ricorderanno senz'altro questo azzeccatissimo spot pubblicitario di alcuni anni fa. Ebbene, oggi possiamo farlo nostro trasformandolo in: il satellite, il tuo occhio. E guardate cosa può mostrarci questo nostro "occhio" lassù dall'alto dei suoi 36 mila chilometri di quota: una serie di perturbazioni atlantiche che finiscono per impattare una dopo l'altra una sorta di muro invisibile: l'anticiclone.

Questa imponente manifestazione della natura vede contrapposti due ciclopi dell'atmosfera: da una parte la profonda depressione d'Islanda, dall'altra un'altrettanto rubusta struttura anticiclonica (piuttosto anomala) tra Russia e Scandinavia. La mutua amplificazione delle due figure bariche è assicurata dalla corrente a getto la quale, come una cinghia di trasmissione, corre all'impazzata per fornire la corretta dose di vorticità a entrambe, da una parte vorticità ciclonica, dall'altra anticiclonica.

Ma il getto a sua volta viene destabilizzato perchè sotto di esso la Terra ruota. Nascono le ondulazioni atmosferiche che mettono a contatto via via più stretto le masse d'aria calda e fredda, le quali tendono a confluire rispettivamente davanti e dietro l'asse queste onde. Nascono così le perturbazioni.

Ed eccole queste perturbazioni: le immagini del satellite Meteosat, una delle quali è stata immortalata e allegata in figura, ce ne mostra una schiera ordinata, con tre elementi in successione da ovest verso est. Nella loro folle corsa però ecco che i tre corpi nuvolosi frenano bruscamente, si infittiscono, quasi si sovrappongono, poi iniziano a contorcersi per poi sparire. Lo fanno tutti nello stesso punto, perchè?

Perchè quel punto indica il bordo più avanzato dell'alta pressione, ossia di quella zona dove i flussi si avvitano verso il basso provocando compressione, riscaldamento e dunque dissoluzione delle nubi. E' il noto fenomeno della frontolisi, in questo caso dovuto sia al venir meno dei contrasto tra le masse d'aria che originariamente ne hanno prodotto la nascita e lo sviluppo, sia per la subsidenza anticiclonica che provvede a cancellarle proprio dalla circolazione.

L'energia spesa dall'alta pressione per provocare il disfacimento delle perturbazioni viene poi rimpinguata dalla corrente a getto in uscita dal vortice depressionario, la quale provvede a reinserirla nel sistema tramite fornitura di vorticità anticiclonica all'alta pressione. E il ciclo ricomincia.


Autore : Luca Angelini

Questa pagina: Stampa Invia Favoriti | Condividi: Altro
Webcam
Vedi tutte
Satellite
Immagini e foto dal satellite

Immagini dal satellite

Guarda le ultime immagini inviate dal satellite Meteosat 8, da 36.000 km di altezza.

Visualizza
Editoriali
Leggi tutti
Newsletter

Iscriviti subito!

Scrivi la tua email

Ogni giorno riceverai le nostre previsioni meteorologiche direttamente nella tua casella e-mail!

Info Viabilità
Leggi tutti
Dal FORUM
Vai al forum