Scrivi una località, una regione o una nazione per ottenerne le previsioni del tempo
Località Data aggiornamento Quantità neve Impianti
MeteoLive NEWSLeggi tutte le news ›

Ipotesi sul tempo previsto nella seconda decade di ottobre

Dopo l'ennesima sfuriata delle correnti orientali cosa dovremo aspettarci sull'Europa? Andremo verso un ricompattamento del Vortice Polare oppure proseguiranno gli scambi di calore?

In primo piano - 4 Ottobre 2015, ore 14.15

La prima parte di ottobre, sarà ancora una volta interessata dall'ennesimo anticiclone sulla Penisola Scandinava, frutto di una nuova pulsazione dinamica che trae origine da intensi scambi meridiani insiti in questo scorcio d'autunno europeo. Il trasporto di calore verso le latitudini settentrionali del continente, è garantito da un tiraggio abbastanza sostenuto delle correnti oceaniche che tendono in parte a trasferirsi verso le latitudini settentrionali, raggiungendo persino il mare del Nord e la fascia subpolare. E' una dinamica ricorrente che ha iniziato a manifestarsi dalla seconda metà dell'estate per conservarsi ancora adesso, giunti ormai al cuore vero e proprio della stagione autunnale. 

Iniziamo a domandarci quanto potrà persistere ancora questa situazione e soprattutto quali conseguenze potrebbe avere nel futuro, se tale comportamento dovesse perpetuarsi. Per quanto riguarda il secondo quesito, la risposta è già stata affrontata negli articoli di pochi giorni fa, ed appare anche abbastanza scontata: un pattern di scand positivo nel cuore dell'inverno condannerebbe l'Europa a sperimentare intense fasi di gelo.

Preferiamo quindi fornire una spiegazione più dettagliata su quella che dovrebbe/potrebbe essere l'evoluzione più probabile nel futuro ormai prossimo, senza quindi dilungarci sull'inverno ma limitando il nostro sguardo alla seconda metà di ottobre. 

Le primissime previsioni a nostra disposizione, mettono in evidenza la graduale risoluzione del pattern di scand positivo già con l'inizio della prima decade ottobrina. Andrà in parte attenuandosi l'onda dinamica che terrà in piedi il nostro anticiclone ma la circolazione generale continuerebbe ad essere molto disturbata. Un po' d'aria fresca riuscirebbe ad espandersi anche verso il nostro Paese, ma con effetti piuttosto marginali, mentre sarebbe ben più importante il raffreddamento lasciato in eredità sull'Europa orientale. 

L'evoluzione successiva (ma qui siamo nella fantameteorologia) potrebbe riservare un graduale quanto fisiologico ricompattamento del Vortice Polare che attualmente versa in uno stato estremamente disturbato quanto indebolito. 


Autore : William Demasi

Questa pagina: Stampa Invia Favoriti | Condividi: Altro
Webcam
Vedi tutte
Satellite
Immagini e foto dal satellite

Immagini dal satellite

Guarda le ultime immagini inviate dal satellite Meteosat 8, da 36.000 km di altezza.

Visualizza
Editoriali
Leggi tutti
Newsletter

Iscriviti subito!

Scrivi la tua email

Ogni giorno riceverai le nostre previsioni meteorologiche direttamente nella tua casella e-mail!

Info Viabilità

h 22.38: A24 Roma-Teramo

fog

Nebbia nel tratto compreso tra Assergi (Km. 116,7) e Colledara-San Gabriele (Km. 136,3) in entram..…

h 22.33: T1-TRF.Bia Traforo Del Monte Bianco

blocco

Regolazione traffico con chiusura ad intermittenza nel tratto compreso tra Piazzale Lato Italiano (..…

Leggi tutti
Dal FORUM
Vai al forum