Scrivi una località, una regione o una nazione per ottenerne le previsioni del tempo
Località Data aggiornamento Quantità neve Impianti
MeteoLive NEWSLeggi tutte le news ›

INVERNO a pieni giri, fino a mercoledì rischio neve al centro-sud e giovedì forse gran finale al nord

Una serie di impulsi artici attraverseranno il nostro Paese risultando più attivi sul versante nord-alpino, e sulle nostre regioni centro-meridionali. Una successiva rotazione delle correnti da sud potrebbe poi portare la neve al nord tra giovedì e venerdì.

In primo piano - 31 Gennaio 2010, ore 09.31

Il blocco artico previsto da giorni si è messo in moto sull'Europa e ha già raggiunto con le sue truppe d'avanguadia anche il nostro Paese. Le Alpi, poste lungo una linea perpendicolare ai flussi portanti, devieranno la colata spartendone i rigori sia attraverso la valle francese del Rodano, sia attraverso la porta orientale di Trieste. Nel primo caso si avrà la formazione di un minimo di pressione di natura orografica sul golfo Ligure il quale poi, trasportato dalla corrente a getto sparata dai quadranti settentrionali, finirà nei pressi della Sardegna, per poi deviare verso la Sicilia e le nostre regioni meridionali. Qui incontrerà una struttura analoga, sviluppatasi però sul medio Adriatico in virtù della forzante orografica orientale. Il connubio tra le due configurazioni determinerà per lunedì un passaggio perturbato che interesserà principalmente le Isole Maggiori e la Calabria. L'effetto sbarramento prodotto dall'Appennino sulle correnti settentrionali potrà recare qualche fiocco fino al piano sul versante adriatico, in particolare nel tratto abruzzese e molisano. I fenomeni tenderanno comunque a spgnersi entro il pomeriggio. Quota neve bassa anche sui monti sardi, dove potremo ritrovare la "dama bianca" fin verso i 400-500 metri. Lo stesso dicasi per Calabria e Sicilia, il cui limite bianco potrebbe però collocarsi rispettivamente tra 400-600 in Calabria e intorno ai 1200 in Sicilia, ma in calo nella sera verso i 600-700 metri. Nella serata di lunedì un nuovo impulso si appoggerà al versante nord alpino determinando nevicate lungo le creste di confine e sulla media e alta Valle d'Aosta. Il resto del settentrione rimarrà invece a secco a causa di una marcata tendenza favonica, pur fredda. Qui per ritrovare la neve dovremo attendere almeno fino alla sera di giovedì, quando potrebbe andare in onda il gran finale bianco.

Autore : Luca Angelini

Questa pagina: Stampa Invia Favoriti | Condividi: Altro
Webcam
Vedi tutte
Satellite
Immagini e foto dal satellite

Immagini dal satellite

Guarda le ultime immagini inviate dal satellite Meteosat 8, da 36.000 km di altezza.

Visualizza
Editoriali
Leggi tutti
Newsletter

Iscriviti subito!

Scrivi la tua email

Ogni giorno riceverai le nostre previsioni meteorologiche direttamente nella tua casella e-mail!

Info Viabilità
Leggi tutti
Dal FORUM
Vai al forum