Scrivi una località, una regione o una nazione per ottenerne le previsioni del tempo
Località Data aggiornamento Quantità neve Impianti
MeteoLive NEWSLeggi tutte le news ›

Intervista all'Esperto: mari più caldi, la natura si adatta, ma l'uomo...

Consueta chiacchierata con Luca Savorani.

In primo piano - 1 Agosto 2006, ore 13.45

REDAZIONE: I mass media come sempre tendono a proporre notizie in stile terroristico. Ma il cambiamento climatico sta veramente cambiando la vita presente nei nostri mari? SAVORANI: reduci da molte ondate di calore e da giorni consecutivi di dominio anticiclonico con temperature spesso sopra la media, una regola che ci accompagna ormai da diversi anni, anche i nostri mari cominciano a risentirne di questi ripetute fasi anomale. Acque in superficie sempre più calde che tendono ormai a propagarsi a zone più profonde dei nostri mari, determinando un cambiamento nelle abitudini degli esseri viventi che abitano i fondali sottocosta, con la comparsa di nuove specie spesso di origine tropicale. REDAZIONE: Ma dove si sono registrate le anomalie termiche più elevate? SAVORANI: In assoluto i mari più caldi sono risultati il Mar Ligure e parte delle coste della Provenza con valori di oltre cinque gradi sopra le medie del periodo. Anche il litorale dell'alto Tirreno tra il Lazio e la Toscana sono risultati ampiamente sopra le medie con temperature che spesso hanno sfiorato i 29°. Ma anche i mari del nord Europa stanno soffrendo di profonde anomalie termiche derivate dal persistente flusso di correnti africane verso le alte latitudini. Discostamenti positivi dalle medie che sul Mar Baltico e sul Mare del Nord hanno spesso superato i 6 gradi. Tutto ciò determina inevitabili conseguenze per la flora e la fauna marina di tutte queste zone. REDAZIONE: Quali sono le conseguenze dirette di tali anomalie sulla fauna e sulla flora dei nostri mari? SAVORANI: Prevalentemente il cambio dell'habitat per i microorganismi subacquei, pesci, molluschi e alghe; una possibile lenta invasione di qualche specie tropicale. Un classico esempio è la recente ricomparsa dell'alga ostreopsis, che stà facendo tremare il turismo balneare ligure. L'alga appartenente alla famiglia delle Dinoficee, l'Ostreopsis è il genere di una microalga di origine tropicale. Ama le temperature elevate e la luce: per questa ragione si sviluppa soprattutto sotto costa nei primi metri d'acqua dalla riva. La fioritura di tali alghe, provoca la diffusione di milioni di cellule per litro di acqua e avviene solo per la contemporanea presenza di più fattori tra cui l'abbondanza di nutrimento, l'alta pressione atmosferica, condizioni di mare calmo e luminosità prolungata,le calde e assolate giornate di luglio sono state, dunque, condizione ideale. Queste alghe producono tossine responsabili principalmente del ciguatera, una neurointossicazione che può causare moria di pesci e invertebrati e indurre uno stato morboso acuto nell'uomo caratterizzato da vertigini, febbre alta, dilatazione delle pupille, tosse, irritazione delle vie respiratorie e dissenteria se si ingeriscono organismi a loro volta intossicati sia cotti che crudi visto che le tossine per la loro natura termostabile non vengono distrutte dalla cottura del cibo. REDAZIONE: Si tratta quindi di una vera emergenza? SAVORANI: La presenza di alghe velenose nel Mediterraneo è accertata da tempo, in Italia almeno dal 1989, da quando il fenomeno ha iniziato ad interessare i mari dell'Alto Adriatico dove è regolarmente monitorato e il Mar Ligure. Il fenomeno però ha una durata molto limitata nel tempo e decresce vistosamente al primo calo termico per poi sparire completamente verso la fine di agosto. Buone notizie per i bagnanti dato che dalle ultimie analisi è molto probabile che entro pochi giorni l'allarme possa rientrare definitivamente e l'alga sparire dai nostri lidi.

Autore : Luca Savorani

Questa pagina: Stampa Invia Favoriti | Condividi: Altro
Webcam
Vedi tutte
Satellite
Immagini e foto dal satellite

Immagini dal satellite

Guarda le ultime immagini inviate dal satellite Meteosat 8, da 36.000 km di altezza.

Visualizza
Editoriali
Leggi tutti
Newsletter

Iscriviti subito!

Scrivi la tua email

Ogni giorno riceverai le nostre previsioni meteorologiche direttamente nella tua casella e-mail!

Info Viabilità
Leggi tutti
Dal FORUM
Vai al forum