Scrivi una località, una regione o una nazione per ottenerne le previsioni del tempo
Località Data aggiornamento Quantità neve Impianti
MeteoLive NEWSLeggi tutte le news ›

Intervista all'Esperto: episodio estivo per molte zone d'Italia

Consueta chiacchierata con Lorenzo Catania.

In primo piano - 16 Maggio 2006, ore 12.32

Redazione: Finalmente possiamo dire che arriva l'estate? Catania: Non corriamo troppo. Per la precisione diciamo che si sta concretizzando per molte regioni d'Italia un episodio dai connotati prettamente estivi, per caratteristiche d'avvezione termica, di circolazione atmosferica e quant'altro; ma dire che arriva l'estate vera e propria è esagerato. Oltretutto il bel tempo non riguarderà tutte le regioni e non sarà ininterrotto per giorni e giorni, ma spezzato di tanto in tanto da qualche passaggio nuvoloso, più minaccioso al nord. Redazione: Ma al mare si potrà andare senza rischi? Catania: Va mantenuta qualche riserva, in particolare per il fatto che nella seconda parte della settimana transiterà una debole perturbazione da nord a sud su tutta l'Italia. Nel dettaglio non si può garantire un sole splendente per la giornata di giovedì al nord e per quella di venerdì sulle regioni centrali, sabato sulla Sicilia, specie sul versante tirrenico. Redazione: Come mai durante la bella stagione il cielo in pianura ed al mare si presenta quasi sempre bianchiccio nonostante non ci siano nuvole? Catania: Perché l'aria calda che caratterizza l'estate, oltre ad essere più leggera di quella fredda, può anche contenere una maggior quantità di acqua. Ecco che allora sono maggiori le quantità di vapore acqueo che si accumulano nell'atmosfera, talvolta dal suolo fino a qualche chilometro di altezza (accade specialmente in agosto e nelle pianure interne); le particelle di vapore acqueo, come quelle di tutti i gas, sono capaci di deviare la luce, e quindi quando l'umidità è molto alta su tutta la colonna d'aria la sua influenza si nota direttamente con un cambiamento del colore del cielo da azzurro a bianchiccio. Redazione: Ma è vero che durante l'estate in caso di temporale è più probabile che cada la grandine rispetto alle altre stagioni? Catania: Si, anche se sembra strano. Ma ricollegandosi al concetto precedente si può capire rapidamente il motivo. Con una maggiore quantità di vapore acqueo le nubi temporalesche hanno a disposizione molto più "carburante" rispetto all'inverno e quando le gocce d'acqua arrivano alle alte quote (5-7 km di altezza) sospinte dalle stesse correnti ascensionali che formano la nube, trovano comunque temperature sotto lo zero e quindi congelano (talvolta molto rapidamente), generando grosse quantità di grandine. Ma d'estate i cumulonembi sono anche più alti dell'inverno (perché la tropopausa è più alta) e quindi i rovesci arrivano solitamente al suolo con maggiore violenza rispetto alle altre stagioni; quindi la grandine ha meno tempo per sciogliersi prima di arrivare a terra. Poi ci sono altre motivazioni di tipo fisico, un po' più complesse da spiegare. Redazione: Perché di solito il caldo e l'afa sono più fastidiosi ad agosto invece che a giugno? Eppure il sole raggiunge il punto più alto sull'orizzonte e le giornate sono più lunghe proprio nella terza decade di giugno. Catania: Per un concetto che si ricollega all'inerzia termica dell'atmosfera e del mare. Ad esempio sulle zone costiere sappiamo che solitamente durante l'estate la calura è mitigata dalle brezze, garantite da un mare fresco, con temperature che in superficie superano a fatica i 20°C. Ma a luglio ed agosto il sole è ancora sufficientemente alto da continuare a scaldare la superficie marina, facendone aumentare la temperatura fino a 24-25, talvolta 26°C; a questo punto i valori termici sono molto più simili rispetto a quelli della terraferma (30-32°C) e quindi la brezza non si innesca più. Di conseguenza ad agosto è normale soffrire l'afa anche sulle spiagge. Ma la brezza marina (o anche quella di montagna) servono anche a rimescolare l'aria per chilometri e chilometri fino alle pianure interne, e quindi in mancanza di queste non c'è ricambio e con il passare dei giorni l'afa si fa sempre più fastidiosa anche nelle zone lontane dal mare ... a meno che non intervenga il vento vero e proprio, grazie al passaggio di una perturbazione.

Autore : Redazione MeteoLive

Questa pagina: Stampa Invia Favoriti | Condividi: Altro
Webcam
Vedi tutte
Satellite
Immagini e foto dal satellite

Immagini dal satellite

Guarda le ultime immagini inviate dal satellite Meteosat 8, da 36.000 km di altezza.

Visualizza
Editoriali
Leggi tutti
Newsletter

Iscriviti subito!

Scrivi la tua email

Ogni giorno riceverai le nostre previsioni meteorologiche direttamente nella tua casella e-mail!

Info Viabilità

h 04.34: A8 Milano-Varese

incidente

Incidente nel tratto compreso tra Svincolo Di Castellanza (Km. 17,6) e Svincolo Di Busto Arsizio (K..…

h 04.14: A14 Pescara-Bari

incidente

Ripristino incidente causa incidente nel tratto compreso tra Lanciano (Km. 413,8) e Val Di Sangro (..…

Leggi tutti
Dal FORUM
Vai al forum