Scrivi una località, una regione o una nazione per ottenerne le previsioni del tempo
Località Data aggiornamento Quantità neve Impianti
MeteoLive NEWSLeggi tutte le news ›

Intervista all'Esperto: attività solare e clima, ci sono novità?

Consueta chiacchierata con Luca Savorani.

In primo piano - 4 Agosto 2006, ore 12.50

REDAZIONE: Esistono legami tra l'attività solare e le oscillazioni climatiche terrestri? SAVORANI: Beh, certamente il Sole è il motore dell'intero Sistema Solare, la più grande fonte di energia a nostra disposizione ed è quindi ovvio considerare l'energia solare che giunge sulla Terra sottoforma di particelle, fotoni e calore, l'elemento fondamentale per l'innesco di gran parte dei moti atmosferici terrestri. Minime variazioni di tale flusso energetico potrebbero determinare consistenti cambiamenti climatici sull'intero Pianeta. A confermare tale ipotesi sono le variazioni climatiche avvenute in tempi storici recenti e lontani, come la Piccola era Glaciale, quando periodi freddi su tutto il continente europeo coincidevano con una bassissima attività solare individuata da un'assenza di macchie solari visibili sulla superficie della nostra Stella. Un documento storico risale ad un freddo periodo per l'Europa, il famoso minimo di Maunder: tra il 1645 e il 1715 il numero totale di osservazioni riguardanti le macchie solari era inferiore a quello che oggi normalmente si raggiunge in un solo anno di attività. REDAZIONE: Il Sole è caratterizzato da periodi più attivi e periodi meno attivi ben precisi? SAVORANI: Per la maggior parte di noi il Sole è sinonimo di costanza e di regolarità. Ma in realtà le cose non stanno così. L'attività del solare è soggetta a variazioni anche repentine, basti pensare al ciclo undecennale delle macchie solari. Oppure a fenomeni come i brillamenti, vere e proprie esplosioni che avvengono nella fotosfera e che riversano nello spazio una grande quantità di plasma e di particelle cariche capaci di perturbare il campo magnetico terrestre, disturbare le comunicazioni via satellite e chissà quant'altro. REDAZIONE: Ci sono novità in merito ai prossimi cicli solari e alle possibili conseguenze sul clima terrestre? SAVORANI: Dal risultato di ricerche condotte dalla NASA, è stato individuato un evidente rallentamento del moto superficiale delle macchie solari nel corso degli ultimi anni. Tale rallentamento è causato da variazioni nel moto dei fluidi presenti negli strati più profondi della nostra Stella e potrebbe rivelarsi un sintomo di una flessione nella sua attività. Emerge così la concreta possibilità che la nostra Stella, compirà il prossimo massimo del ciclo di attività solare nel 2012 ,ciclo 24, con un andamento del tutto simile al ciclo 23 terminato pochi mesi or sono, per poi attraversare una fase critica dal 2022 ,nel corso del ciclo 25, caratterizzata da una bassissima attività con evidenti ripercussioni sull’andamento climatico terrestre. Ma non è tutto, dalle ultime analisi risulta che il ciclo solare in corso appena agli inizi, appare alquanto debole per il momento. Solitamente, conclusa la fase di minima attività solare, che è avvenuta proprio alla fine del 2005, il Sole si sarebbe dovuto riattivare repentinamente sfoggiando le prime grandi macchie sintomo di una moderata attività già dai primi mesi del nuovo ciclo e ciò per ora non è ancora avvenuto. Attendiamo quindi a breve, i risultati di nuove ricerche e i recenti dati del costante monitoraggio della nostra Stella, per capire a fondo le complicate cause di tale flessione energetica, per poter determinare il più presto possibile ciò che ci riserva il futuro.

Autore : Luca Savorani

Questa pagina: Stampa Invia Favoriti | Condividi: Altro
Webcam
Vedi tutte
Satellite
Immagini e foto dal satellite

Immagini dal satellite

Guarda le ultime immagini inviate dal satellite Meteosat 8, da 36.000 km di altezza.

Visualizza
Editoriali
Leggi tutti
Newsletter

Iscriviti subito!

Scrivi la tua email

Ogni giorno riceverai le nostre previsioni meteorologiche direttamente nella tua casella e-mail!

Info Viabilità
Leggi tutti
Dal FORUM
Vai al forum