Scrivi una località, una regione o una nazione per ottenerne le previsioni del tempo
Località Data aggiornamento Quantità neve Impianti
MeteoLive NEWSLeggi tutte le news ›

INSTABILITA': le news sulla nuova fase di maltempo attesa dalla seconda metà del mese

Lo stivale italiano ancora nella morsa dell'instabilità se non di vere e proprie condizioni di maltempo; ecco le prospettive nel prossimo futuro.

In primo piano - 12 Dicembre 2017, ore 17.00

Nel prossimo futuro dovremo presto tornare a fare i conti con una nuova controffensiva delle masse d'aria artiche sull'Europa. L'ennesima ondulazione della corrente a getto favorirà quindi l'arrivo di nuove perturbazioni anche sul Mediterraneo, con effetti che in questo frangente si farebbero sentire soprattutto sulle regioni centrali e meridionali, dapprima sul Tirreno, poi anche sulle adriatiche.

La prima perturbazione cavalcherà la corrente a getto occidentale nella giornata di giovedì 14 dicembre, colpendo soprattutto i versanti del medio e basso Tirreno con nuove precipitazioni ed un rinforzo della ventilazione di Libeccio.

Questo primo impulso perturbato sarà preludio ad una rotazione del vento dai quadranti settentrionali, identificato dai modelli tra venerdì e sabato.

Ecco quindi farsi strada un ribasso anche sensibile delle temperature dapprima al nord, poi anche al centro ed al sud (domenica 17). Su questi ultimi settori le correnti fredde potrebbero persistervi a lungo e tra poco vedremo il perchè. 

Sul finire della seconda decade, dovremo mettere in conto il rinforzo della corrente a getto occidentale sull'oceano nord Atlantico e con essa un aumento di gradiente tra la fascia delle medie e delle alte latitudini. Tutto questo deporrà a favore per un rinforzo dell'alta pressione sull'Europa occidentale a cavallo tra la seconda e la terza decade dicembrina.

L'alta pressione potrebbe però avere delle difficoltà ad invadere il Mediterraneo centrale e la sua posizione resterebbe comunque defilata sulla Penisola Iberica, ove verrebbe a trovarsi il cuore più stabile e caldo di questa figura. 

Il nostro Paese farebbe i conti con flussi di correnti dapprima settentrionali, poi anche nord-orientali. In tal modo l'aria artica potrebbe raffreddarsi efficacemente anche al suolo e potremo parlare a tutti gli effetti di "aria artica continentalizzata", alla quale sarebbero più esposte le nostre regioni di Mezzogiorno (martedì 19, venerdì 22).

Al nord si farebbe sentire maggiormente l'influenza dell'alta pressione con temperature relativamente più miti ed atmosfera stabile. 

Seguite gli aggiornamenti su meteolive.it


 


Autore : William Demasi

Questa pagina: Stampa Invia Favoriti | Condividi: Altro
Webcam
Vedi tutte
Satellite
Immagini e foto dal satellite

Immagini dal satellite

Guarda le ultime immagini inviate dal satellite Meteosat 8, da 36.000 km di altezza.

Visualizza
Editoriali
Leggi tutti
Newsletter

Iscriviti subito!

Scrivi la tua email

Ogni giorno riceverai le nostre previsioni meteorologiche direttamente nella tua casella e-mail!

Info Viabilità

h 05.05: A2 Autostrada del Mediterraneo

incidente rallentamento

Traffico rallentato, incidente a 4,222 km prima di Allacciamento A3 Salerno-Reggio Calabria in di..…

h 04.35: A2 Autostrada del Mediterraneo

incidente rallentamento

Traffico rallentato, incidente a 4,222 km prima di Allacciamento A3 Salerno-Reggio Calabria in di..…

Leggi tutti
Dal FORUM
Vai al forum