Scrivi una località, una regione o una nazione per ottenerne le previsioni del tempo
Località Data aggiornamento Quantità neve Impianti
MeteoLive NEWSLeggi tutte le news ›

Indici a 360°, primi suggerimenti per l'inverno che verrà (seconda parte)

Analizziamo la disposizione di alcuni indici capaci di influenzare le dinamiche circolatorie durante la prossima stagione invernale

In primo piano - 30 Ottobre 2008, ore 11.28

Dopo aver visto nella prima parte come sarà impostata la circolazione a livello emisferico, grazie all'analisi delle temperature superficiali dell'oceano Pacifico, cerchiamo di capire il ruolo chiave che in tutto questo avrà il vortice polare. Laddove la grande giostra artica avesse intenzione di centrifugare l'aria gelida entro la propria sede esattamente come è avvenuto negli ultimi inverni (indice AO fortemente positivo), le chance dell'inverno europeo decadrebbero vertiginosamente verso la solita prestazione incolore alla quale siamo ormai abituati. In sostanza le ondulazioni della corrente a getto sarebbero in grado di costruire lungo l'emisfero 3 creste d'onda anticicloniche, una delle quali, in sintonia con gli indici del Pacifico visti nella prima parte, si piazzerebbe proprio a ridosso del comparto euro-mediterraneo inibendo perfino il transito sull'Italia delle perturbazioni atlantiche. Ergo inverno mite e poco piovoso. Viceversa in caso di vortice polare più debole (quindi con indice AO neutro o negativo) le correnti a getto riuscirebbero a costruire 4 onde emisferiche con due conseguenze fondamentali. Prima: possibilità che uno dei 4 cavi d'onda depressionari possa inserirsi sull'Europa nonchè sul bacino del Mediterraneo. Seconda: possibilità di blocchi circolatori atlantici in senso meridiano con sviluppo seccessivo di anticicloni dinamici alle alte latitudini (ad esempio sulla Scandinavia con l'indice "Scan positivo") e conseguente rilascio di aria fredda accompagnata anche da eventi depressionari alle latitudini medie o addirittura mediterranee. E qui arriviamo alla quadratura del cerchio: i blocchi anzidetti si esplicano con maggior frequenza in caso di ENSO neutro, fondamentalmente con episodi di Nina debole che, guarda caso, è proprio la situazione prevista per il prossimo inverno.

Autore : Luca Angelini

Questa pagina: Stampa Invia Favoriti | Condividi: Altro
Webcam
Vedi tutte
Satellite
Immagini e foto dal satellite

Immagini dal satellite

Guarda le ultime immagini inviate dal satellite Meteosat 8, da 36.000 km di altezza.

Visualizza
Editoriali
Leggi tutti
Newsletter

Iscriviti subito!

Scrivi la tua email

Ogni giorno riceverai le nostre previsioni meteorologiche direttamente nella tua casella e-mail!

Info Viabilità
Leggi tutti
Dal FORUM
Vai al forum