Scrivi una località, una regione o una nazione per ottenerne le previsioni del tempo
Località Data aggiornamento Quantità neve Impianti
MeteoLive NEWSLeggi tutte le news ›

IMPORTANTE escalation termica già con l'inizio della settimana prossima

Il consolidamento di un'onda di calore lungo il lato ascendente di una figura abbastanza importante di bassa pressione attesa sull'ovest Europa, favorirà un nuovo e prolungato aumento della temperatura sul bacino centrale ed orientale del Mediterraneo. Proviamo a descriverne le conseguenze sul nostro Paese.

In primo piano - 8 Aprile 2016, ore 21.30

L'arrivo della prossima settimana sancirà l'imposizione dell'ennesima fase atmosferica comprendente un'escalation generale delle temperature che potranno portarsi sino a diversi gradi sopra la media stagionale di riferimento. Merito (o demerito) di tutto questo, una corrente a getto in grande difficoltà e la presenza di una vasta circolazione di bassa pressione (saccatura) collocata sull'Europa occidentale.

Come sovente accade durante l'avvento del periodo caldo, quest'ultima manifesterà delle difficoltà sempre più grandi nel raggiungere i nostri settori centrali d'Europa. L'area mediterranea verrebbe così a trovarsi lungo il lato ascendente della saccatura, sperimentando un flusso persistente di venti meridionali, associati ad una salita graduale della temperatura.

Tale risalita si manifesterà soprattutto sulle regioni centro-meridionali del Paese, laddove nel lungo periodo, potrebbero addirittura fare capolino valori termici molto più simili all'estate piuttosto che alla stagione primaverile propriamente detta. Tutto merito di una forte ripresa degli scambi di calore che sembra svanire durante l'inverno (quando invece prevale la zonalità e quindi i venti occidentali) facendo la sua precoce comparsa non appena si entra nel dominio di competenza della stagione primaverile.

L'innesco di tale fase avverrà in realtà già domenica 10, quando l'anticiclone alle sue primissime battute, poggerà radici proprio sui settori centrali del Mediterraneo.

Seguirebbe un graduale consolidamento di questa figura anticiclonica con asse sbilanciato verso Jonio, Egeo e Grecia tra lunedì 11 e giovedì 14 aprile. In questa prima fase a subirne gli effetti sarebbero soprattutto le regioni meridionali, laddove il tempo sarebbe stabile e molto mite, mentre al settentrione prevarrebbe una fase instabile portata dalla circolazione d'aria più fresca oceanica. Infine sarebbe possibile una "occidentalizzazione" del cuneo anticiclonico sul finire della seconda decade, con una ulteriore impennata termica attesa su tutto il nostro Paese, l'attenuazione dell'instabilità al nord, l'arrivo dei primi valori termici "estivi" sulle regioni di Mezzogiorno.

Previsione ovviamente da confermare.

Seguite gli aggiornamenti. 


Autore : William Demasi

Questa pagina: Stampa Invia Favoriti | Condividi: Altro
Webcam
Vedi tutte
Satellite
Immagini e foto dal satellite

Immagini dal satellite

Guarda le ultime immagini inviate dal satellite Meteosat 8, da 36.000 km di altezza.

Visualizza
Editoriali
Leggi tutti
Newsletter

Iscriviti subito!

Scrivi la tua email

Ogni giorno riceverai le nostre previsioni meteorologiche direttamente nella tua casella e-mail!

Info Viabilità

h 08.59: A2 Autostrada del Mediterraneo

rallentamento

Traffico rallentato causa traffico intenso nel tratto compreso tra Allacciamento Salerno-Avellino (..…

h 08.58: SS45 Di Val Di Trebbia

frana

Frana di materiale fangoso a 2,639 km prima di Incrocio Marsaglia (Km. 85,7) in direzione Incroci..…

Leggi tutti
Dal FORUM
Vai al forum