Scrivi una località, una regione o una nazione per ottenerne le previsioni del tempo
Località Data aggiornamento Quantità neve Impianti
MeteoLive NEWSLeggi tutte le news ›

IMPERDIBILE! L'inverno 2007-2008 è stato mite solo in Europa, altrove ha picchiato duro e sono caduti diversi RECORD

Una breve rassegna su quello che è accaduto nell'inverno 2007-2008, per capire che se anche l'Italia e buona parte dell'Europa hanno avuto un inverno decisamente anonimo, in quasi tutto il resto del nostro emisfero non è andata così.

In primo piano - 22 Ottobre 2008, ore 09.59

Novembre 2007 A partire dal giorno 11, una depressione a carattere freddo interessa buona parte dell’Europa centro-orientale, portando abbondanti nevicate soprattutto in Austria con 50cm. di neve a Vienna. Nevicate record fino a 70 cm., si registrano in Svizzera, Zurigo avrà la sua nevicata storica dal 1955. Il mese risulterà termicamente sottomedia proprio in Europa centrale ed orientale, oltre che in Canada e Stati Uniti nord-orientali. Dicembre 2007 In questo mese si registra una eccezionale tempesta di neve e ghiaccio che imperversa per alcuni giorni a partire dai giorni 10-11, e che interessa tutti gli Stati Uniti centrali ed in particolare Kansas, Missouri, Oklahoma, Iowa, Illinois e Nebraska, con depositi fino a 5cm. di ghiaccio che provocano gravi danni tanto da indurre il presidente Bush a dichiarare lo stato di emergenza in Oklahoma. Successivamente la città di Boston vedrà cadere il giorno 13 ben 25cm. di neve, 23cm. anche nella città di Detroit. Ondata di freddo segnalata contemporaneamente anche in Spagna. L’analisi termica mensile evidenzierà un nocciolo freddo centrato tra Grecia e Turchia e un’anomalia negativa in tutti gli States e Canada esclusa l’Alaska. Gennaio 2008 Nella prima settimana si registra un freddo anomalo in tutto lo stato del Messico, con temperature che raggiungono i -5°C. Nello stesso periodo un’intensa ondata di gelo e neve interessa tutto il sud-est Europa, stato di emergenza dichiarato in Bulgaria e Romania con disagi e aeroporti chiusi. In questo mese ha inizio anche uno degli inverni più freddi e nevosi che si ricordino in Cina e in tutto il Medio Oriente, freddo anche in tutta l’Asia centrale. Tra il giorno 4 e il 6 fino a 55cm. di neve in Iran. Abbondanti nevicate interessano Teheran e il giorno 11 anche Bagdad vedrà la neve per la prima volta a memoria d’uomo. Sul finire del mese gelo intenso in Kazakistan con punte fino a -25°C e in Uzbekistan, dove si registrano le temperature più basse degli ultimi quarant’anni. Il giorno 30 nuova ondata di freddo e neve in Medio Oriente, che stavolta interessa principalmente Israele con neve a Gerusalemme (20cm.) e Giordania con Amman stravolta da 30cm. di neve. Neve anche a Damasco e Ramallah. Freddo anomalo anche in India con temperature che a Delhi crollano fino a 2°C. L’analisi termica mensile, evidenzierà il freddo consistente dal Medio Oriente alla Cina passando per l’Asia centrale, con nocciolo molto freddo nella zona del Mar Caspio. Temperature sottomedia anche in Africa subsahariana, Stati Uniti sud-occidentali e Messico. Febbraio 2008 Continuano il freddo e le nevicate in Cina, ora interessano principalmente il sud-ovest del paese, soprattutto la provincia dello Yunnan. Prima settimana del mese molto fredda anche in Afghanistan centrale, con freddo e neve che poi raggiungeranno anche Turchia e Grecia, provocando gravi disagi e chiusura delle scuole. Il giorno 18 nevica nuovamente a Gerusalemme. Negli States, nevicate eccezionali interessano il Wisconsin e il giorno 11 si verifica un record di freddo a International Falls, in Minnesota con temperatura a -40°C, che batte il precedente record del 1967 di -38°C. L’anomalia negativa mensile un po’ come per gennaio è evidente in nord Africa centro-orientale ed interessa tutto il Medio Oriente, Asia meridionale, Cina, India, fino al Pacifico. Inoltre temperature molto più basse della media sono presenti anche in tutto il Canada, gli Stati Uniti settentrionali e Alaska. Marzo 2008 Tra il 7 ed il 10 abbondanti nevicate in tutto il nord est degli Stati Uniti ed in particolare in Ohio, con nevicata record a Columbus, posta sul quarantesimo parallelo, con 52cm, il precedente record risaliva addirittura al febbraio del 1910 con 39cm. Ancora tanta neve in Wisconsin, alla fine di questa stagione la capitale Madison registrerà il nuovo record stagionale di accumulo nevoso con 254cm., battendo il precedente primato che apparteneva all’inverno 1978/79 con 193cm. Record di neve anche a Caribou con temperatura precipitata a -21°C. A Concord nel New Hampshire, poco sopra Boston, un accumulo stagionale di neve di ben 282cm, è secondo soltanto all’inverno 1873/74. Alla fine il mese di marzo risulterà termicamente sottomedia in quasi tutto il Nord america, con esclusione della sola Alaska. Nel frattempo, i ghiacci marini artici, dopo la devastante estate 2007, raggiungevano un’estensione massima di quasi i 14 milioni di Kmq., il valore più alto degli ultimi cinque anni. (Fonte NCDC e GISS)

Autore : Fabio Vomiero

Questa pagina: Stampa Invia Favoriti | Condividi: Altro
Webcam
Vedi tutte
Satellite
Immagini e foto dal satellite

Immagini dal satellite

Guarda le ultime immagini inviate dal satellite Meteosat 8, da 36.000 km di altezza.

Visualizza
Editoriali
Leggi tutti
Newsletter

Iscriviti subito!

Scrivi la tua email

Ogni giorno riceverai le nostre previsioni meteorologiche direttamente nella tua casella e-mail!

Info Viabilità
Leggi tutti
Dal FORUM
Vai al forum