Scrivi una località, una regione o una nazione per ottenerne le previsioni del tempo
Località Data aggiornamento Quantità neve Impianti
MeteoLive NEWSLeggi tutte le news ›

Immacolata sul filo del rasoio: ecco chi potrebbe vivere un primo assaggio di inverno

I fenomeni potranno interessare essenzialmente le zone montane poste lungo lo spartiacque alpino e quelle lungo il versante adriatico. Per il resto è atteso un generale calo delle temperature ma sarà più il vento a dominare. Fine delle nebbie in pianura.

In primo piano - 1 Dicembre 2011, ore 09.18

 Per il Ponte dell'Immacolata si profila una fase con correnti da nord-ovest, inserite entro pulsazioni di aria fredda e instabile. Cosa significa in termini pratici? Significa che le prime nevicate potranno fare la loro comparsa sulle nostre montagne, anche se con non poca fatica. Sulle Alpi, ad esempio, adesso o mai più: sarà il momento di rimettere a lucido gli impianti e far partire la stagione sciistica. 

Più che un grido di speranza per tutti gli operatori turistici invernali e per i proseliti delle piste, è una constatazione fatta in base alle ultimissime uscite modellistiche. La comparazione tra gli scenari propostici dalle simulazioni ci suggerisce la forbice temporale tra l'8 e il 13 dicembre quale periodo ottimale per veder muoversi qualcosa. Per quei giorni infatti si assisterà al passaggio di una perturbazione seguita da aria artica marittima, ovvero fredda ma anche carica di una discreta dose di umidità.

Arriveranno nevicate piuttosto estese sui versanti esteri dell'arco alpino ma con lunghi sconfinamenti anche sui nostri, a causa della forza della Corrente a Getto che spingerà per diversi chilometri oltre le linee di cresta gli svolazzanti fiocchi bianchi nati dallo sbarramento nord-alpino. I fenomeni risulteranno più significativi sui settori orientali, maggiormente a tiro della perturbazione suddetta. La quota è ancora da definire ma pensiamo possa scendere tranquillamente anche sotto i 1000 metri.

A seguire il blocco perturbato scivolerà verso l'Adriatico dove raccoglierà le energie per elargire una certa dose di fenomeni. Anche qui sarà l'occasione per togliere l'Appennino dall'imbarazzo di un dicembre senza neve. Al momento è ancora presto per entrare nei dettagli, tuttavia pare probabile che i versanti adriatici possano aspettarsi le prime fioccate qua e là fino a quote basse. Anche in questo caso il limite bianco è da definire ma pensiamo possa attestarsi medimente intorno a 800-1000 metri.

Da segnalare anche la possibilità di una doppia rasoiata fredda entro il periodo sopra menzionato. Secondo alcune corse modellistiche infatti le perturbazioni sarebbero due, entrambe lanciate lungo la medesima traiettoria: una tra il 7 e l'8 dicembre, l'altra tra l'11 e il 13. Come vedete, pian piano ci stiamo avvicinando alla prognosi finale. Vi aspettiamo sempre su queste pagine per il verdetto definitivo che ormai non dovrebbe tardare ad arrivare.    


Autore : Luca Angelini

Questa pagina: Stampa Invia Favoriti | Condividi: Altro
Webcam
Vedi tutte
Satellite
Immagini e foto dal satellite

Immagini dal satellite

Guarda le ultime immagini inviate dal satellite Meteosat 8, da 36.000 km di altezza.

Visualizza
Editoriali
Leggi tutti
Newsletter

Iscriviti subito!

Scrivi la tua email

Ogni giorno riceverai le nostre previsioni meteorologiche direttamente nella tua casella e-mail!

Info Viabilità
Leggi tutti
Dal FORUM
Vai al forum