Scrivi una località, una regione o una nazione per ottenerne le previsioni del tempo
Località Data aggiornamento Quantità neve Impianti
MeteoLive NEWSLeggi tutte le news ›

Il tormentone del "minimo basso" (per esperti ed appassionati)

Spesso noi Genovesi-Savonesi, prima di una possibile nevicata, siamo più portati a considerare le termiche al suolo presenti nel basso Piemonte, rispetto al nostro freddo in quota, che spesso assume una rilevanza secondaria.

In primo piano - 13 Febbraio 2013, ore 09.17

La VERA Tramontana Scura su Genova si attiva principalmente per due motivi:
- Precedente ingresso di masse d'aria da est, anche una -3/-4, ma continentale pura

- Naso padano importante. Cioè formazione di un'alta termica sulla pianura padana, a causa della densità dell'aria fredda presente, che si ammassa al suolo determinando questo "incremento barico". Di contro sulla costa, quando a stretto contatto con il minimo di pressione, presenterà valori di pressione nettamente più bassi.

Questo cosa comporta? Un gradiente pressorio elevato, quindi uno scalino barico che permette alla Tramontana Scura di attivarsi prepontemente, ovvero un vento travasato da Nord, specie dal basso Piemonte, e incanalato attraverso i bassi passi alle spalle di Savona e Genova, dove le montagne non interferiscono (da Savona quindi sino al genovesato di levante, Genova Quarto e Genova Quinto al limite, da Genova Nervi verso est tutti esclusi, a causa dei monti retrostanti e dell'appennino ligure)

Condizione ideale è quella che vede aria calda da SSE di richiamo, che si incanala nei valichi alpini, provocando una differenza di pressione che risucchia ulteriore aria fredda.

Quindi quasi sempre la grande nevicata sul settore centrale avviene per mano di questo fattore chiamato Tramontana Scura, che una volta attivato comporta istantaneamente un calo della T al suolo di ben 7°! Così spesso ti ritrovi con Genova a 0° e neve con accumulo, mentre a 4-5 km in linea d'aria più ad est, Genova Nervi con 9° e pioggia. 

Nell'episodio dell 11 febbraio vi è stata una dinamica completamente differente. L'aria artica precedentemente affluita, è stata rapidamente sostituita da una circolazione differente proveniente dal Labrador, di tipo polare-marittima. La grande velocità con cui è avvenuto questo "passaggio di consegne", non ha minimamente intaccato il grande freddo presente in quota, tanto che la notte di domenica su lunedì si sono registrate temperature di -6 a 850hpa su tutto il nord.

Probabilmente, dai radiosondaggi di alcune località del nord, si vede come la -6 abbia tenuto sino a fine evento al contrario di quanto paventato dai gm, sintomo che lo scirocco in realtà non è mai entrato deciso alla media quota.

Due considerazioni: il dislivello barico tra Pianura Padana e il sottocosta ligure ieri non c'è stato, o è stato uno scarto davvero ridotto. Probabilmente l'aria artica, nonostante abbia avuto due giorni per addensarsi dalla 500hpa(altezza media dove è presente la vera riserva gelida delle masse d'aria artico-marittime) e diffondersi negli strati atmosferici più bassi, in realtà si è arrestata a un livello intermedio(700/850hpa), non continentalizzandosi a dovere al suolo, come solo l'aria da est riesce.

Ecco quindi che le ottime nevicate in Piemonte e lombardia, si sono avute più che per merito del cuscino, che in realtà non c'era, di una colonna d'aria PERFETTA: -5/-6 a 850hpa, -3 a 925hpa, -1/-2 a suolo, il responso di molte zone del Piemonte e Lombardia.

Questo fattore(colonna d'aria ottimale) ha fatto si che anche in località liguri costiere impensabili abbia potuto nevicare, senza o poco accumulo (Rapallo, Santa Margherita Ligure, La Spezia!), contrariamente a quanto previsto da tutti.

C'è da aggiungere, che la colonna durante tutto l'evento non è mai stata intaccata, per il fatto che il minimo non sia mai salito con decisione, lo scirocco di conseguenza è rimasto basso in mare aperto..

In conclusione:
Il nord-est ha sfondato facile anche sul levante, il gradiente termico orizzontale è stato nullo lunedì, tutta la costa ligure da ponente a levante ha viaggiato su temperature pressochè identiche, e soprattutto è mancato un buon apporto/ricarico umido in grado di favorire convergenze spiccate sul golfo, insomma, è mancato l'ingrediente Tramontana scura e il gioco dei contrasti, che alimenta il tutto(aumento della fenomenologia per la contrapposizione di due venti di direzione opposta, e calo termico associato più marcato).

Così abbiamo sperimentato una nevicata pura da rovesciamento con la quota, senza picchi precipitativi evidenti, per mancanza dello shear(a parte la mezz'ora del pomeriggio che ha provato ad accumulare).Condizione impossibile per sperare nell'accumulo in centro..

Insomma è stata una nevicata altimetrica.Se lavori solo di quota e non hai i contrasti termodinamici(che solo la convergenza e l'innesco della Ts ti forniscono) c'è bisogno una -7/-8° abbondante per avere accumulo in centro e sulle spiagge.

Alla fine dei conti è stata una nevicata coreografica, anche molto carina, che soltanto in una mezz'ora, tra le 16.30 e le 17 ca., quando il minimo nella sua traslazione verso levante è salito poco più a nord, ha regalato un apporto precipitativo più consistente e ha mostrato quello che poteva essere e che invece non è stato.


Autore : A cura del forumista CrisGE

Questa pagina: Stampa Invia Favoriti | Condividi: Altro
Webcam
Vedi tutte
Satellite
Immagini e foto dal satellite

Immagini dal satellite

Guarda le ultime immagini inviate dal satellite Meteosat 8, da 36.000 km di altezza.

Visualizza
Editoriali
Leggi tutti
Newsletter

Iscriviti subito!

Scrivi la tua email

Ogni giorno riceverai le nostre previsioni meteorologiche direttamente nella tua casella e-mail!

Info Viabilità
Leggi tutti
Dal FORUM
Vai al forum