Scrivi una località, una regione o una nazione per ottenerne le previsioni del tempo
Località Data aggiornamento Quantità neve Impianti
MeteoLive NEWSLeggi tutte le news ›

Il Tevere ora fa meno paura

Piena controllata, per ora nessuna esondazione importante.

In primo piano - 13 Dicembre 2008, ore 06.50

Aggiornamento ore 06 di sabato 13 dicembre: la piena continua ma la situazione comincia a farsi meno preoccupante. Al momento non si segnalano esondazioni di rilievo. Il Tevere seguiterà a mantenersi comunque alto per l'intera giornata. Aggiornamento ore 18.30 di venerdì 12 dicembre: Ci siamo. Sono ore cruciali per Roma. Il sindaco Alemanno dichiara: "abbiamo fatto tutto il possibile, ma il rischio che la fanghiglia invada il piano stradale per almeno una 20 cm a causa del rigurgito fognario è forte". Dal 28 ottobre a oggi sono caduti 400 millimetri di pioggia, pari a poco meno della metà della precipitazione media annua. Nel 2007 ne sono caduti 443 mm in un anno intero. Lo ha reso reso noto la responsabile dell'Osservatorio meteorologico del Collegio Romano Franca Mangianti. L'università Luiss Guido Carli è stata sgomberata per motivi precauzionali a causa del maltempo. Al ponte Milvio il Tevere ha raggiunto 13,5 metri. Il Ponte è esondato alle porte della Capitale. Evacuata la zona del Foro Italico, invasa dall'acqua Piazza di Siena a Villa Borghese. Nel frattempo un'altra ondata di maltempo si prepara a colpire il Paese da domenica. Il Piemonte dovrebbe risultare inizialmente la regione più colpita. E' atteso oltre mezzo metro di neve in sole 24 ore a 1000m di quota nelle valli del Torinese e del Cuneese con limite delle nevicate che si innalzerà dalle quote pianeggianti sin oltre gli 800m a fine giornata rendendo possibile una parziale pericolosa fusione del manto nevoso. Ore 12 Roma ha paura, molti ricordano un Tevere tanto gonfio solo nel 1986. Anche oggi seguita a piovere ad intermittenza sulla Capitale ma tutta l'attenzione si sta ormai spostando sulla possibile onda di piena del fiume che potrebbe mettere a rischio i quartieri nord della città. Secondo la Protezione Civile l'onda dovrebbe arrivare nel tardo pomeriggio, verso le 18. Se in qualche punto il fiume romperà gli argini, in altre zone sarà invece il rigurgito dell'acqua delle fogne con fuoriuscita dai tombini a preoccupare. Il ritardo, rende noto la Protezione Civile, e' dovuto al fatto che il fiume ha rallentato a causa di piccole esondazioni a Magliano Sabino e Orte. Il fiume ha per ora raggiunto gli 11,8 metri a Ripetta. Ecco le zone interessate: Prima Porta Flaminio Villaggio Olimpico Ponte Milvio Ponte Galleria Magliana Fiumicino. Non è stata ancora disposta alcuna evacuazione della popolazione. Il fiume ha esondato gia' a Orte e Magliano Sabina. Nelle prossime ore sono previste sul Lazio solo precipitazioni moderate e qualche isolato temporale in attesa di un certo miglioramento atteso per sabato. Sospeso lo sciopero del trasporti. Per fronteggiare l'emergenza nel Lazio solo sono intervenute 180 squadre della Protezione civile regionale, per oltre 700 volontari con 200 mezzi tra anfibi e fuoristrada, idrovore e motopompe e migliaia di sacchi di sabbia. Il presidente Marrazzo ha firmato le prime dichiarazioni di stato di calamita'. Presidi della Protezione civile attivi per tutta la notte lungo tutto il corso laziale del Tevere, mentre sul fiume Aniene, straripato in piu' punti, la zona piu' colpita resta quella dell'Albuccione, nel comune di Tivoli.

Autore : Report e sintesi di Alessio Grosso

Questa pagina: Stampa Invia Favoriti | Condividi: Altro
Webcam
Vedi tutte
Satellite
Immagini e foto dal satellite

Immagini dal satellite

Guarda le ultime immagini inviate dal satellite Meteosat 8, da 36.000 km di altezza.

Visualizza
Editoriali
Leggi tutti
Newsletter

Iscriviti subito!

Scrivi la tua email

Ogni giorno riceverai le nostre previsioni meteorologiche direttamente nella tua casella e-mail!

Info Viabilità
Leggi tutti
Dal FORUM
Vai al forum