Scrivi una località, una regione o una nazione per ottenerne le previsioni del tempo
Località Data aggiornamento Quantità neve Impianti
MeteoLive NEWSLeggi tutte le news ›

Il tempo previsto tra la fine di giugno e l'esordio di luglio; quali novità?

L'Italia ancora in una posizione "borderline" tra l'aria più fresca oceanica che potrà determinare episodi di instabilità soprattutto al nord e l'anticiclone oceanico che conquisterà senza problemi i settori centrali e meridionali del nostro Paese. Vediamo nel dettaglio

In primo piano - 26 Giugno 2016, ore 16.00

Perde definitivamente importanza la circolazione d'aria molto calda e stabile veicolata sulle nostre regioni italiane dalla rimonta di una zona d'alta pressione di origine nord-africana. Al suo posto una circolazione più instabile e fresca che guadagna lentamente terreno a partire dalle regioni settentrionali e che, già nella giornata di ieri, sabato 25 giugno, ha portato manifestazioni talora intense di instabilità accompagnate da grandinate estremamente violente. Questo sarà pressappoco il "leit motiv" che dovremo aspettarci anche nei prossimi giorni.

Uno sguardo al tempo previsto sulle regioni meridionali.

Perde finalmente importanza la circolazione d'aria instabile che, sino ad una manciata di giorni addietro, ha interessato le estreme regioni meridionali del Paese. Proprio questi settori dovrebbero infatti avviarsi verso un periodo di stabilità atmosferica piuttosto prolungato. Le temperature faranno registrare una fisiologica risalita anche se non vengono attualmente previsti valori particolarmente eclatanti, avremo insomma a che fare con il classico degli standard meteo-climatici dell'estate mediterranea.

Uno sguardo al tempo previsto sulle regioni del nord. 

Come anticipato, l'irruenza delle correnti occidentali potrebbe invece agevolare ancora qualche temporale sulle regioni del nord. Questi temporali potranno manifestarsi soprattutto mercoledì 29 giugno, quando la previsione del modello americano, ipotizza un temporaneo abbassamento del flusso d'aria più fresca oceanica che sarebbe veicolato da un ramo della corrente a getto e che dovrebbe transitare su Penisola Iberica, Francia e poi sui settori centrali d'Europa, colpendo marginalmente anche il settentrione d'Italia. Rovesci e temporali colpirebbero ancora una volta i settori alpini e prealpini, nonchè alcuni limitati settori della Valpadana.

Infine uno sguardo ai primi giorni di luglio, secondo mese d'estate meteorologica, che potrebbe esordire ancora sotto l'influenza di una circolazione d'aria piuttosto calda e stabile di origine oceanica con picchi intensi di calura segnatamente sul Mezzogiorno.

Non tutti i modelli sono però d'accordo con questa evoluzione, vi rimandiamo all'articolo della sera. 


Autore : William Demasi

Questa pagina: Stampa Invia Favoriti | Condividi: Altro
Webcam
Vedi tutte
Satellite
Immagini e foto dal satellite

Immagini dal satellite

Guarda le ultime immagini inviate dal satellite Meteosat 8, da 36.000 km di altezza.

Visualizza
Editoriali
Leggi tutti
Newsletter

Iscriviti subito!

Scrivi la tua email

Ogni giorno riceverai le nostre previsioni meteorologiche direttamente nella tua casella e-mail!

Info Viabilità

h 01.41: A1 Milano-Bologna

problema

Mezzi spargisale in azione nel tratto compreso tra Milano-Allacciamento Raccordo P.Le Corvetto-Tang..…

h 01.33: SS17 Dell'appennino Abruzzese E Appulo-Sannitico

problema

Mezzi spargisale in azione nel tratto compreso tra 1,839 km dopo Incrocio Rocca Di Corno (Km. 10,2)..…

Leggi tutti
Dal FORUM
Vai al forum