Scrivi una località, una regione o una nazione per ottenerne le previsioni del tempo
Località Data aggiornamento Quantità neve Impianti
MeteoLive NEWSLeggi tutte le news ›

Il tempo di domenica 24 e lunedì 25 sull'Italia

Tra domenica e lunedì sull'Italia si vivrà una situazione atmosferica del tutto peculiare ed assai rara da osservare. Un'imponente discesa di aria artico-continentale si muoverà dalla valle del Rodano sino ad un vistoso minimo in risalita sino al mar Ligure, presentandosi come Libeccio freddo. Quali saranno gli effetti sul nostro Paese?

In primo piano - 23 Febbraio 2013, ore 11.45

Si tratterà dell'ultima fase squisitamente invernale della stagione 2012-2013 e molto probabilmente lascerà il segno su diverse regioni italiane. Nelle ultime 48 ore, parte della penisola italiana è stata investita da una vivace irruzione di aria artico-continentale che si è presentata sul nostro Paese sotto forma di intensi e burrascosi venti orientali. Un forte raffreddamento delle temperature è intervenuto su tutta l'Italia settentrionale.

Volgendo lo sguardo all'Italia centrale e meridionale ritroviamo una situazione assai diversa; queste regioni non sono state interessate in modo diretto dall'irruzione d'aria fredda, sperimentando un tipo di tempo a tratti piovoso ma soprattutto mite, con una ventilazione prevalentemente occidentale.

Cosa sta succedendo in queste ore?

L'aria fredda dopo essere entrata sull'Italia attraverso la porta della Bora, si sta ora muovendo verso l'Europa occidentale gettandosi dalla valle del Rodano. Una intensa depressione sta portando un consistente carico precipitativo diretto verso il nostro Paese. Le precipitazioni più intense saranno appannaggio delle regioni centrali. Per quanto riguarda il settentrione, l'Emilia Romagna il Veneto e il Friuli potranno essere le regioni più colpite. 

Con l'arrivo di domani, domenica 24 ma ancor più lunedì 25, ulteriore aria fredda andrà gettandosi sul Mediterraneo attraverso la valle del Rodano, rinnovando ancora condizioni di spiccata instabilità su diversi settori del Paese. Focalizzando la nostra attenzione alle regioni settentrionali e parte di quelle centrali, assisteremo ad un fenomeno decisamente raro di Libeccio freddo. Questo vento sarà associato a qualche precipitazione sparsa, regalando degli episodi nevosi a bassa quota anche su regioni climaticamente molto miti.

Ecco quindi riaffacciarsi tra domenica e lunedì l'arrivo di nuove nevicate a bassa quota lungo tutta la costa del levante ligure e nelle aree pianeggianti della Toscana. Da non sottovalutare l'impatto dell'aria fredda sulla Sardegna, dove la neve associata al passaggio di rovesci, potrà spingersi sino 300-400 metri di altezza.

L'arrivo di martedì 26 sancirà il rapido colmamento della vasta depressione sul bacino del Mediterraneo, ci attendiamo pertanto condizioni atmosferiche in graduale miglioramento un pò ovunque.


Autore : William Demasi

Questa pagina: Stampa Invia Favoriti | Condividi: Altro
Webcam
Vedi tutte
Satellite
Immagini e foto dal satellite

Immagini dal satellite

Guarda le ultime immagini inviate dal satellite Meteosat 8, da 36.000 km di altezza.

Visualizza
Editoriali
Leggi tutti
Newsletter

Iscriviti subito!

Scrivi la tua email

Ogni giorno riceverai le nostre previsioni meteorologiche direttamente nella tua casella e-mail!

Info Viabilità
Leggi tutti
Dal FORUM
Vai al forum