Scrivi una località, una regione o una nazione per ottenerne le previsioni del tempo
Località Data aggiornamento Quantità neve Impianti
MeteoLive NEWSLeggi tutte le news ›

Il super vortice INVERNALE in azione sull'Europa entro fine mese: ecco le possibili conseguenze

La parte finale della mensilità di gennaio, potrebbe trascorrere sotto l'influenza di una vasta depressione ricolma d'aria artica, collocata col proprio perno sull'Europa orientale. Vediamo nel dettaglio la possibile linea di tendenza e le sue potenziali variazioni.

In primo piano - 23 Gennaio 2015, ore 18.30

Appaiono confermati ormai da diversi aggiornamenti, gli scenari previsionali di tempo instabile e freddo con target gli ultimissimi giorni del mese. Una volta esaurita la fase di instabilità portata dalle depressioni in azione in questi giorni sul basso Mediterraneo, assisteremo con tutta probabilità ad un ampio movimento barico che coinvolgerà l'intero emisfero. In buona sostanza avremo a che fare con un vero e proprio trasferimento di vorticità dai settori canadesi a quelli euroasiatici.

Il movimento non può essere classificato come semplice spostamento di depressioni oppure una semplice irruzione d'aria più fredda, ma appare piuttosto una vera e propria migrazione di un lobo del Vortice Polare dal Canada all'Europa. Tale manovra introdurrà sul nostro continente, una massa d'aria fredda estremamente vasta, trattasi d'aria fredda di origine inizialmente polare-marittima, successivamente di estrazione artica con maggiori effetti per quanto riguarda il calo delle temperature al livello del suolo.

Trattandosi di un vero e proprio lobo del Vortice Polare, nel suo trasferimento da un continente all'altro, quest'ultima sarebbe accompagnata da fortissime turbolenze. Fenomeni di instabilità a carattere freddo prediligerebbero soprattutto la Scandinavia e l'Europa centro-orientale, sarebbero coinvolti anche i settori adriatici e meridionali dell'Italia, mentre un Favonio freddo diverrebbe protagonista delle pianure del nord Italia.

Con questa linea di tendenza, siamo ormai giunti agli ultimi giorni di gennaio 2015.

Quale potrebbe essere l'evoluzione successiva?


Giunti a questo punto della storia, l'esito di tale manovra potrebbe suddividersi in due possibili scenari:

- il primo comprenderebbe un graduale cedimento dell'onda anticiclonica atlantica che di fatto provocherebbe un nuovo riaccorpamento del Vortice Polare nella sua sede originaria. Tale evoluzione determinerebbe una progressiva perdita di importanza del lobo freddo presente in Europa, un nuovo rinforzo delle vorticità canadesi potrebbe a quel punto determinare una distensione dell'alta pressione oceanica, così facendo, il ciclo ricomincerebbe da zero. L'Italia diverrebbe protagonista di una fase instabile artica della durata di pochi giorni ma nulla più.

- il secondo scenario vedrebbe invece una persistenza del blocco anticiclonico oceanico, a quel punto sull'Europa continuerebbe ad affluire aria fredda di origine artica. Nel contempo le forti vorticità presenti all'interno della massa d'aria fredda precedentemente affluita, tenderebbero ad attenuarsi gradatamente. Questo processo porterebbe ad un graduale deposito del freddo dalle quote superiori dell'atmosfera verso il suolo, avviando un raffreddamento sensibile della temperatura sulla Scandinavia ed i settori nord-orientali europei. Questa evoluzione potrebbe in seguito avere delle sensibili ripercussioni sullo stato del tempo italiano.


Al momento preferiamo non sbilanciarci eccessivamente ne per una, ne per l'altra evoluzione qui proposta.

Seguite gli aggiornamenti.

 


Autore : William Demasi

Questa pagina: Stampa Invia Favoriti | Condividi: Altro
Webcam
Vedi tutte
Satellite
Immagini e foto dal satellite

Immagini dal satellite

Guarda le ultime immagini inviate dal satellite Meteosat 8, da 36.000 km di altezza.

Visualizza
Editoriali
Leggi tutti
Newsletter

Iscriviti subito!

Scrivi la tua email

Ogni giorno riceverai le nostre previsioni meteorologiche direttamente nella tua casella e-mail!

Info Viabilità
Leggi tutti
Dal FORUM
Vai al forum