Scrivi una località, una regione o una nazione per ottenerne le previsioni del tempo
Località Data aggiornamento Quantità neve Impianti
MeteoLive NEWSLeggi tutte le news ›

Il risveglio del Generale, ecco come l'inverno riuscirà a piombare a casa nostra

Pesante ondata di freddo prevista per la fine della settimana, con probabili risvolti nevosi anche a bassa quota in montagna.

In primo piano - 17 Novembre 2008, ore 10.12

L'unica incognita alla previsione, già anticipata giorni fa nella nostra rubrica "Fantameteo" era lui, l'anticiclone delle Azzorre. Ora i dubbi riguardo le sue possibili spanciate verso l'Europa occidentale, tanto frequenti durante gli scorsi inverni, sembrano pian piano dipanarsi offrendo un quadro freddo piuttosto pesante e sempre più realistico. Le sue mosse porteranno la grande figura atlantica di bel tempo a raggiungere a più riprese le alte latitudini oceaniche. In un primo tempo l'Islanda e intorno la fine della settimana addirittura la Groenlandia, ove si salderà al collega termico già in ottima forma sui ghiacci dell'isola artica. La risposta uguale e contraria non si farà attendere e si concretizzerà in una possente discesa di aria artico-marittima con valori termici e pressori molto bassi per la stagione. Pensate che tra sabato e domenica prossimi sulla verticale delle Alpi orientali a 5200 metri di quota ci sorvolerà una temperatura di -40°C, mentre a 1450 metri ben -10°C: sono valori di tutto rispetto se consideriamo che non siamo nemmeno a dicembre. La probabilità di questo evento è al momento intorno all'80%, dunque piuttosto probabile, nonostante si parli sempre di una distanza temporale di 5-6 giorni. Dopo un primo nucleo di aria polare marittima previsto a ridosso del nostro Paese mercoledì, ecco sopraggiungere lungo il medesimo canale depressionario il nucleo gelido direttamente dalla Groenlandia. Al suo arrivo si attiveranno subito le prime nevicate a quote basse e a tratti in pianura lungo le Alpi settentrionali (principalmente i versanti esteri), mentre in val Padana e sui versanti sud-alpini alle prime folate di Foehn subentreranno presto tesi e freddi venti settentrionali. Le temperature notturne in val Padana, in caso di calme di vento, potranno scendere diffusamente al di sotto degli zero gradi con le prime estese brinate. La colata fredda penetrerà nel frattempo sia dalla porta della Bora, che da quella del Rodano. Nel primo caso ecco sopraggiungere i primi fiocchi a quote basse in Appennino, specie lungo l'Adriatico, mentre nel secondo oltre ad un violento Maestrale in arrivo sulla Sardegna nella giornata di sabato, potrebbe profilarsi un Libeccio freddo di rimbalzo sull'alto versante Tirrenico con conseguenze perturbate ancora tutte da valutare.

Autore : Luca Angelini

Questa pagina: Stampa Invia Favoriti | Condividi: Altro
Webcam
Vedi tutte
Satellite
Immagini e foto dal satellite

Immagini dal satellite

Guarda le ultime immagini inviate dal satellite Meteosat 8, da 36.000 km di altezza.

Visualizza
Editoriali
Leggi tutti
Newsletter

Iscriviti subito!

Scrivi la tua email

Ogni giorno riceverai le nostre previsioni meteorologiche direttamente nella tua casella e-mail!

Info Viabilità
Leggi tutti
Dal FORUM
Vai al forum