Scrivi una località, una regione o una nazione per ottenerne le previsioni del tempo
Località Data aggiornamento Quantità neve Impianti
MeteoLive NEWSLeggi tutte le news ›

IL PUNTO: una settimana di latitanza quasi totale dell’anticiclone atlantico

Solo ad inizio settimana avevamo avuto una certa stabilità delle condizioni atmosferiche, specie sulle regioni occidentali; ma nel frattempo, si stava gradualmente preparando un peggioramento piuttosto organizzato, dovuto ancora una volta, a correnti fresche ed instabili in arrivo da nord

In primo piano - 27 Luglio 2002, ore 09.34

La domenica è passata senza grossi scossoni, ma solamente con qualche nube in più al nord e sulla Toscana, e soprattutto sulle Alpi, a causa del passaggio della coda di una perturbazione atlantica. Specie in montagna, si sono verificati alcuni rovesci che poi nella giornata di lunedì si sono rapidamente concentrati sul Triveneto; nel frattempo sulle altre regioni il tempo è andato velocemente migliorando, per l’espansione verso est di un piccolo braccio dell’anticiclone delle Azzorre. La sua protezione però è durata veramente poco; infatti già da martedì, una perturbazione afro-mediterranea, seppur debole, spostandosi nel letto delle correnti occidentali in quota, è arrivata ad interessare il nord e parte del centro. Gli effetti si sono fatti sentire soprattutto sotto forma di temperature elevate, in particolare al centro-sud, tant’è vero che, durante questo episodio, si sono registrate punte oltre i 40°C sulla Sicilia. Ma si stava preparando qualcosa di più grosso: infatti, una consistente discesa di aria fresca in quota, proveniente dal Mare del Nord, cominciava a puntare verso i Balcani e l’Italia: qui avrebbe trovato condizioni ideali per sopravvivere, visto che avrebbe avuto a disposizione un mare caldo dal quale trarre energia, e un campo di pressioni basse e livellate già ben strutturato. L’anticiclone atlantico al solito non ha opposto resistenza, anzi, ha cominciato ad espandersi verso l’Europa centrale e settentrionale, in una posizione anomala per il periodo, tant’è vero che le temperature di Danimarca e Germania ne hanno già risentito con ritocchi verso l’alto, e continueranno a risentirne per diversi giorni; anche nazioni come la Svezia avranno valori termici piuttosto elevati. Tornando alla settimana che si è appena conclusa, nella giornata di giovedì, un primo impulso fresco ha attraversato l’Italia da nord a sud, senza comunque portare grosse precipitazioni, ma solo qualche rovescio o temporale lungo la linea frontale, sia sul versante tirrenico che su quello adriatico. Dalla serata poi, ha fatto il suo ingresso in scena l’aria fresca in quota vera e propria, con un impulso che ha portato temporali dapprima sulla Pianura Padana, e poi, durante la nottata, sulle regioni centrali. Il fronte si è spostato gradualmente verso sud, e nel corso di venerdì, il contrasto con l’aria molto calda ancora presente al meridione, ha provocato su queste zone, la formazione di una figura “chiusa” di bassa pressione. I temporali, molto pesanti, sono stati inizialmente isolati, ma gradualmente si sono estesi alla Calabria, la Sicilia, ed in parte anche alla Campania. Attualmente la depressione è in piena azione al sud, e sembra che ci voglia rimanere almeno per 2-3 giorni ancora.

Autore : Lorenzo Catania

Questa pagina: Stampa Invia Favoriti | Condividi: Altro
Webcam
Vedi tutte
Satellite
Immagini e foto dal satellite

Immagini dal satellite

Guarda le ultime immagini inviate dal satellite Meteosat 8, da 36.000 km di altezza.

Visualizza
Editoriali
Leggi tutti
Newsletter

Iscriviti subito!

Scrivi la tua email

Ogni giorno riceverai le nostre previsioni meteorologiche direttamente nella tua casella e-mail!

Info Viabilità

h 05.37: A11 Firenze-Pisa

incidente

Incidente nel tratto compreso tra Allacciamento A12 - Pisa (Km. 79,4) e Allacciamento A12 - Lucca..…

h 05.09: A24 Roma-Teramo

fog

Nebbia a banchi nel tratto compreso tra Castel Madama (Km. 23,9) e Allacciamento A25 Torano-Pescara..…

Leggi tutti
Dal FORUM
Vai al forum