Scrivi una località, una regione o una nazione per ottenerne le previsioni del tempo
Località Data aggiornamento Quantità neve Impianti
MeteoLive NEWSLeggi tutte le news ›

IL PUNTO: tanta instabilità sui rilievi, ma non solo

Quella appena passata è stata una settimana un po’ “strana”

In primo piano - 24 Agosto 2002, ore 09.49

La situazione che si è presentata durante la settimana che va concludendosi non può essere definita tipicamente estiva. Infatti al posto di un anticiclone delle Azzorre forte e stabile sulla sua posizione fra le Isole omonime ed il Mediterraneo centrale, ci siamo trovati a fare i conti con una “palude barica”. Questa è una configurazione particolare che non permette di distinguere con chiarezza i centri di bassa e di alta pressione e porta ad avere un’area molto vasta dove la pressione è praticamente uniforme, e presenta variazioni minime fra un punto e l’altro. Di conseguenza è diventata di difficile individuazione sia l’intensità dei venti, che la traiettoria delle perturbazioni più organizzate. C’è da dire di più: in questi casi il tempo è determinato dalle correnti locali e da minime variazioni del campo barico in quota, pertanto nel corso della settimana passata abbiamo dovuto fare i conti con temporali sui rilievi, che si formavano anche sulla Sicilia e la Sardegna quando non erano previsti, o addirittura con acquazzoni che si verificavano in pianura e non durante il pomeriggio, come normalmente ci aspettiamo d’estate. In particolare, fra le giornate di martedì e mercoledì, il passaggio di un moderato sistema frontale sull’Europa centrale ha fatto impazzire un po’ tutte le elaborazioni a nostra disposizione; quindi l’individuazione dei fenomeni, che poi fortunatamente si sono verificati dove ci aspettavamo, è diventata estremamente complicata. Al nord infatti c’è stato un passaggio temporalesco, che ha portato anche alcuni fenomeni intensi, ma per fortuna entro mercoledì sera il grosso della perturbazione si è esaurito e spostato verso i Balcani. Successivamente siamo tornati in palude barica e gli acquazzoni sono rimasti relegati ai monti, in particolare l’Appennino meridionale, estendendosi alle zone pianeggianti solo verso sera e quando ormai la nube era in dissolvimento. Nella giornata di ieri infine, è transitata una piccola goccia fredda in quota che ha provocato una accentuazione dell’instabilità pomeridiana sui rilievi ed una sua estensione a parte delle pianure, come fra Torino, Milano, oppure il litorale toscano ed adriatico. Per fortuna questo fenomeno ha avuto breve vita e gli strascichi nella giornata di oggi sono veramente poco consistenti. Ma non abbiamo ancora “fatto i conti con l’oste”; infatti per l’inizio della prossima settimana è previsto un marcato peggioramento su parte delle regioni italiane, del quale parleremo più approfonditamente nei prossimi articoli.

Autore : Lorenzo Catania

Questa pagina: Stampa Invia Favoriti | Condividi: Altro
Webcam
Vedi tutte
Satellite
Immagini e foto dal satellite

Immagini dal satellite

Guarda le ultime immagini inviate dal satellite Meteosat 8, da 36.000 km di altezza.

Visualizza
Editoriali
Leggi tutti
Newsletter

Iscriviti subito!

Scrivi la tua email

Ogni giorno riceverai le nostre previsioni meteorologiche direttamente nella tua casella e-mail!

Info Viabilità
Leggi tutti
Dal FORUM
Vai al forum