Scrivi una località, una regione o una nazione per ottenerne le previsioni del tempo
Località Data aggiornamento Quantità neve Impianti
MeteoLive NEWSLeggi tutte le news ›

IL PUNTO: la scena è tutta per “Sophia”

Quella che si sta concludendo è stata una settimana governata dalla depressione giunta dalla Spagna

In primo piano - 31 Agosto 2002, ore 09.31

Già all’inizio della settimana eravamo coinvolti, anche se indirettamente, nelle maglie della depressione che in quel momento era presente su Francia e Spagna; infatti, l’aria calda, umida ed instabile che la precedeva era in grado di generare alcune cellule temporalesche, specialmente sul mare. Queste hanno colpito più direttamente il medio-basso Tirreno, parte della Pianura Padana e della Toscana, con fenomeni anche violenti nella giornata di lunedì, per poi tendere temporaneamente ad attenuarsi e dissolversi. Gli ammassi nuvolosi in arrivo ad “impulsi” però erano sempre più intensi, e tendevano a coinvolgere anche regioni come la Sardegna, che hanno ricevuto in alcuni casi notevoli apporti di pioggia. Alla fine ecco che fra martedì e mercoledì nasce la perturbazione principale del sistema: infatti sulle coste mediterranee della Francia occidentale l’aria calda ed umida entra direttamente a contatto con l’aria fredda in quota presente su quelle zone. Si genera una lunga linea temporalesca, che attesa sul Mar Ligure per la mattina di mercoledì, tende invece a portarsi più verso la Corsica, scombinando in parte le previsioni del giorno prima e, ad esempio, provocando pochi e limitati rovesci sulla Liguria. Su altre zone come le regioni centro-meridionali, però le precipitazioni sono risultate molto più intense e copiose: sul Lazio e la Campania in alcune zone si sono superati i 100 mm di accumulo in 24 ore, una quantità davvero notevole. Comunque, come ogni vortice depressionario mediterraneo classico, “Sophia” si è gradualmente spostata verso le regioni adriatiche, liberando dapprima la Pianura Padana e successivamente Toscana, Umbria e Lazio fra giovedì e venerdì, con residui fenomeni di instabilità, anche intensi. Adesso il minimo di pressione lo ritroviamo fra il basso Adriatico e l’Albania e tenderà a rimanerci fino a domenica sera, influenzando il tempo di Marche, Abruzzo e regioni meridionali in genere.

Autore : Lorenzo Catania

Questa pagina: Stampa Invia Favoriti | Condividi: Altro
Webcam
Vedi tutte
Satellite
Immagini e foto dal satellite

Immagini dal satellite

Guarda le ultime immagini inviate dal satellite Meteosat 8, da 36.000 km di altezza.

Visualizza
Editoriali
Leggi tutti
Newsletter

Iscriviti subito!

Scrivi la tua email

Ogni giorno riceverai le nostre previsioni meteorologiche direttamente nella tua casella e-mail!

Info Viabilità
Leggi tutti
Dal FORUM
Vai al forum